POLITICA Letto 3981  |    Stampa articolo

Sel ha il candidato sindaco: è Paola Capalbo.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
«Sono fiera per questa avventura e lusingata per il difficile compito affidatomi». Le nostre indiscrezioni di ieri sono confermate dalla diretto interessato. Paola Capalbo, 49 anni, docente, è il candidato a sindaco di Sinistra ecologia e libertà. E’ il terzo candidato ufficiale dopo Zanfino di Sinistra democratica e Cilento del Pdl. La Capalbo è stata investita direttamente dai dirigenti di Sel ed in particolare dal consigliere comunale Pettinato e dall’assessore Vita.
«Sono sicura che sarà una competizione difficile - dice la Capalbo - ma conto su chi auspica un rinnovamento ed una discontinuità». Il partito di Vendola lo aveva promesso: «non siamo interessati nè alle primarie del Pd né a quelle di coalizione, andremo da soli».
Proprio soli non si direbbe; Sel, infatti, sta dialogando anche con il Psi, o almeno con una parte di esso, visto che ha già siglato un accordo con l’Udc. Pettinato, però avverte: «alla Regione i socialisti sono già con noi, non vedo perchè al Comune dovrebbero stare a destra». E aggiunge: «spero che si accodi anche Idv».

Spunta un altro Capalbo
Quelle di coalizione del centrosinistra dovrebbero tenersi domenica 14 dalle 8 alle 20. Il condizionale è d’obbligo anche perchè Pd, Verdi, Ulivo per Acri, Prc-Pdci stanno discutendo e la questione è ancora aperta. Se tra il maggior partito ed il resto, ci sarà rottura allora ognuno andrà per la propria strada. Inizialmente per il Pd erano in lizza Bonacci, Cozzolino e Cristofaro. A loro potrebbe aggiungersi il segretario Pino Capalbo, 37 anni, avvocato, consigliere comunale e vicepresidente della comunità montana. E’ impensabile, però che i Democratici presentino quattro candidati, uno, tra Cozzolino, Cristofaro e Bonacci, potrebbe tirarsi indietro e boatos indicano in quest’ultimo colui il quale dovrebbe ritirare la candidatura. Gli altri se la vedranno con un candidato vicino ai Verdi ed il nome sarà ufficializzato nelle prossime ore. E’ chiaro che chi la spunterà, tra i quattro, influenzerà anche la composizione della coalizione. Cozzolino può contare sul sostegno del sindaco Coschignano mentre Capalbo ha dalla sua gran parte del direttivo e degli iscritti, Cristofaro, infine, punta su un elettorato di opinione.

Ipotesi Trematerra
Ore decisive per un eventuale accodo tra Pdl Udeur da un parte e Udc e Psi dall’altra. I berluscones insistono per Cilento, i centristi vorrebbero puntare sull’ex senatore Trematerra ma alla fine ognuno potrebbe andare per conto proprio. Se non ci saranno passi indietro, dunque, saranno almeno cinque i candidati a sindaco. Tre per lo schieramento di centrosinistra e due per il centrodestra.


PUBBLICATO 05/02/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 2666  
Ad Acri una marcia per l’ospedale.
Nei giorni scorsi, il Partito Socialista Italiano, ha promosso, nella parrocchia di San Giorgio Martire, a Serricella, un incontro con i cittadini. La riunione è stata presieduta dal segretario del ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3750  
Anna Maria Prina e Clarissa Mucci ad Acri per lo stage “Danza & Cultura”
Grande successo anche quest'anno per lo stage "Danza & Cultura" proposto dalla scuola A.T.B Danzarte del maestro Michele Ferraro con il patrocinio del comune. Lo stage, giunto al suo secondo anno di ...
Leggi tutto

VIDEO  |  LETTO 3007  
Video della seduta del consiglio comunale del 29 Novembre 2010.
Pubblichiamo il video della seduta dei lavori della seduta del consiglio comunale del 29 novembre 2010. All’ordine del giorno la rinegoziazione dei prestiti della Cassa DD.PP. S.p.a. , le manifestaz ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4346  
Scuola di Acri-San Giacomo a Palazzo Madama.
Le classi v della scuola primaria e le classi della scuola secondaria di 1 grado dell’ istituto comprensivo di San Giacomo d’ Acri , diretto magistralmente dalla dirigente prof.ssa Pellegrino Rosa, ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3597  
Elenco dei buoni motivi per cui il reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale “Beato Angelo” di acri non deve chiudere.
l reparto più vicino dove far nascere un bambino si trova ad un’ora di distanza (in macchina) e le complicanze che possono verificarsi in quell’arco di tempo possono essere pericolose. Si potrebbe t ...
Leggi tutto