NEWS Letto 4743  |    Stampa articolo

Acri (Serricella): frana, sgomberata famiglia.

Deborah Furlano
Foto © Acri In Rete
Nel comune di Acri, tutto è cominciato venerdì mattina intorno a mezzogiorno. La famiglia che occupa uno dei tre stabili in contrada Serricella avverte un movimento verticale verso il basso che fa “ballare” l’intera abitazione. Ma solo nel tardo pomeriggio intorno alle 17, il caposquadra del Comune dà l’allarme per una frattura continua aperta su un fronte di strada di circa trecento metri tra i bivi Canaletta e Cutra sempre in contrada Serricelle. Arrivato sul posto l’ingegnere capo dell’amministrazione comunale Elio Feraudo insieme al comandante dei vigili urbani Angelo Ferraro, al responsabile comunale della protezione civile Raffaele Pignataro ed al geometra, responsabile del settore edilizia, Terranova, da un primo sopralluogo hanno immediatamente disposto la messa in sicurezza della zona interessata dallo smottamento chiudendone la viabilità. Non si sono sottratti i tecnici del Comune dal procedere ad una ulteriore verifica dei fabbricati che si trovavano a ridosso della zona franata scoprendo una condizione precaria degli stabili in seguito al cedimento del terreno ed ordinando l’evacuazione temporanea di una famiglia abitante in uno dei palazzi. Nel pomeriggio di ieri, al termine del sopralluogo, il sindaco Elio Coschignano ha firmato l’ordinanza di sgombero.
Solo ieri mattina, con l’arrivo della squadra del 115 coordinata da Vittorio Imbrogno, chiamati per un controllo sulla stabilità delle costruzioni si è riscontrato un abbassamento delle fondamenta causati dal cedimento del terreno con la conseguente ordinanza di sgombero immediato degli edifici in attesa dei sondaggi geognostici disposti da parte degli enti competenti. Gli abitanti del luogo raccontano di una frana che interessò la zona negli anni ‘50 a seguito della quale si formò un vuoto nel terreno che fu riempito con materiale di riporto e dove oggi sorgono i tre fabbricati dichiarati inagibili. Rimangono momentaneamente senza un tetto, la famiglia evacuata temporaneamente, un ufficio privato ed un’attività commerciale. Il palazzo ha retto bene alla forza d’urto della frana perché costruito in cemento armato.
L’ingnegnerre capo dell’amministrazione comunale di Acri Feraudo, infatti, ha spiegato che i fenomeni fondamentalmente sono stati due, perchè la strada è una cosa, i palazzi un’altra. Sempre Feraudo parla dell’apertura di una sacca sotto i palazzi e da qui qualche infiltrazione che ha provocato il cedimento con delle lesioni al fabbricato. Si attende il responso degli esami geognostici per vedere se si mette in opera un sedimento di cemento armatop per consolidare il fabbricato.


Fonte: "Calabria Ora" del 07-02-2010.

PUBBLICATO 07/02/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 2666  
Ad Acri una marcia per l’ospedale.
Nei giorni scorsi, il Partito Socialista Italiano, ha promosso, nella parrocchia di San Giorgio Martire, a Serricella, un incontro con i cittadini. La riunione è stata presieduta dal segretario del ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3750  
Anna Maria Prina e Clarissa Mucci ad Acri per lo stage “Danza & Cultura”
Grande successo anche quest'anno per lo stage "Danza & Cultura" proposto dalla scuola A.T.B Danzarte del maestro Michele Ferraro con il patrocinio del comune. Lo stage, giunto al suo secondo anno di ...
Leggi tutto

VIDEO  |  LETTO 3007  
Video della seduta del consiglio comunale del 29 Novembre 2010.
Pubblichiamo il video della seduta dei lavori della seduta del consiglio comunale del 29 novembre 2010. All’ordine del giorno la rinegoziazione dei prestiti della Cassa DD.PP. S.p.a. , le manifestaz ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4346  
Scuola di Acri-San Giacomo a Palazzo Madama.
Le classi v della scuola primaria e le classi della scuola secondaria di 1 grado dell’ istituto comprensivo di San Giacomo d’ Acri , diretto magistralmente dalla dirigente prof.ssa Pellegrino Rosa, ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3597  
Elenco dei buoni motivi per cui il reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale “Beato Angelo” di acri non deve chiudere.
l reparto più vicino dove far nascere un bambino si trova ad un’ora di distanza (in macchina) e le complicanze che possono verificarsi in quell’arco di tempo possono essere pericolose. Si potrebbe t ...
Leggi tutto