POLITICA Letto 2768  |    Stampa articolo

«Psc, si guardi oltre il campanile».

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
L'ex vicesindaco e assessore all'Urbanistica Francesco Monaco, che per cinque anni ha lavorato con il professore Pierluigi Cervellati, dice la sua sul nuovo Piano Strutturale Comunale. Cervellati, incaricato della redazione, ha presentato nei giorni scorsi le linee portanti del nuovo Piano. «Nella convinzione che il Psc – spiega Monaco - a differenza del Prg possa essere lo strumento ideale per dare un volto nuovo, equilibrato, armonioso alla nostra città, e che l’armonia dei luoghi rende più armoniosi anche i rapporti tra i cittadini che vi abitano, sostengo da sempre che occorre puntare alla valorizzazione delle nostre identità, delle nostre specificità, sia in termini di risorse naturali e ambientali che culturali e produttive. Per questo ci tengo a ricordare che dal primo momento le indicazioni date al proefssor Cervellati sono state quelle di dotare il territorio di tutti i servizi necessari affinché le diverse componenti socioeconomiche potessero trovare le giuste risposte».
«Con sapienza e il giusto coinvolgimento di tutti i soggetti, pubblici e privati – continua Monaco -, operanti sul territorio si dovranno coniugare le esigenze di chi vuole costruire o avviare un’attività produttiva con il miglioramento della qualità della vita e la valorizzazione delle risorse ambientali, naturali, culturali, architettoniche, artistiche e archeologiche. Si dovrà prevedere come valorizzare al meglio i nostri principali siti di interesse turistico quali i parchi di Varrise, Crista, Caccia, Serra di Buda, Gallice e Galluzzo e, perché no, anche il demanio di Pietramorella. L’obiettivo principale di tutto ciò deve essere quello di fornire alla città uno strumento che contenga regole precise che non devono essere viste come freno allo sviluppo ma come precursori di uno sviluppo sostenibile e di qualità».
Per l'ex vicesindaco, «il Psc deve guardare oltre il “campanile”, deve guardare al comprensorio magari immaginando Acri al centro di esso, affinché possa ritornare ad essere un “polo di attrazione” socio-economico. Sono sempre più convito che le nostre potenzialità, in passato poco valorizzate, attualmente completamente ignorate, sono infinite e che è necessario uno scatto di orgoglio per l’appartenenza ad una comunità, fortunatamente ancora “sana” ricca di “valori” che facilitano il coinvolgimento delle nuove generazioni, attraverso un confronto sereno, con le quali costruire una città al passo con le esigenze del terzo millennio, dove ognuno si deve sentire protagonista e non “discriminato».
«Spero - conclude Monaco - che non ci si riduca a rispondere: perché loro non l’hanno fatto? Ma che si faccia tesoro dei “limiti” delle precedenti amministrazioni e ci si attivi per fare di più e meglio, ripartendo dai traguardi raggiunti e dalle cose fatte da chi li ha preceduti, magari avendo commesso qualche errore, ma con la consapevolezza che tutto si può migliorare, quando si vuole».

Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 26-02-2011.

PUBBLICATO 27/02/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

SPORT  |  LETTO 2411  
Fc Calcio Acri domenica è stata la classica giornata nera
Si è trattata della classica giornata nera. Sia le cronache che chi ha seguito i rossoneri, ammette che Deffo e compagni hanno disputato una gara scialba, la seconda più brutta del campionato dopo q ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3068  
Deposito di rifiuti ingombranti, denuncia del sindaco contro ignoti
Il sindaco Gino Trematerra ha presentato una querela contro ignoti in relazione al deposito diffuso e degradante di materiale ingombrante, creando numerose discariche a cielo aperto. Il sindaco e i ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3073  
Trematerra ottimista sull'ospedale
Durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo assessore alla Sanità, è inevitabilmente venuto fuori il tema del futuro dell’ospedale “Beato Angelo”.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2814  
Acritrasport, i lavoratori recriminano undici mensilita' arretrate
Lavoratori della Acritrasport nuovamente sul piede di guerra. Rivendicano il pagamento di undici mensilità arretrate, cioè tutte quelle che si riferiscono all'anno in corso, quattordicesima compresa ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 3080  
DIFENDIAMO L'OSPEDALE
Il comitato cittadini liberi contro il ridimensionamento dell'ospedale di Ari: in vita la cittadinanza ad aderire al comitato e a partecipare all'incontro che si terra' mercoledi' 9 novembre 2011 al ...
Leggi tutto