NEWS Letto 3456  |    Stampa articolo

Grande successo per il Palio dei ciucci. Otto contrade in gara.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Il visitatore occasionale capitato ad Acri nella giornata di sabato scorso avrà avuto la sensazione di trovarsi in una sorta di festa permanente; gli acresi invece avranno pensato che sarebbe bello avere tante giornate simili durante l’anno. La città nell’occasione ha messo l’abito della festa e si è tirata a lucido.Una giornata intera di iniziative che un riepilogo farebbe fatica a mettere in fila ordinatamente.
Il filo conduttore è comunque stato il binomio tra la seconda edizione del Palio dei ciucci e torneo dei giochi popolari e la notte bianca. Il primo è stato promosso dall’associazione “Acri nel cuore”, nata lo scorso anno, quello cioè della prima edizione del Palio e del torneo. Sull’asino è fin troppo semplice fare ironia, ma se si considera il suo ruolo, non solo simbolico, per la crescita della comunità nel corso del secolo scorso, la prospettiva cambia. E non poco.
L’ostinato quadrupede è una specie in via d’estinzione, come dimostra la ricerca chela stessaassociazioneha fatto per reperire gli esemplari da coinvolgere nell’iniziativa. Otto le contrade in gara, sia per il Palio che per i giochi. Per questi ultimi, ci si è basati su quelli che le ultime generazioni conoscono solo attraverso i racconti di padri e nonni, quali “Ruollu”,“Anca zoppa”, “Strasci” e tiro alla fune, solo per citarne qualcuno. Se a spingere è la passione, nel corso del tempo ogni cimento è destinato a migliorare e l’organizzazione del Palio e del torneo ne è la testimonianza. Fin dalla mattina si respirava in città un’aria di festa, ma anche di agonismo tra le contrade, con i vessilli esposti nel centralissimo rione Jungi.
La manifestazione, comunque, non avrebbe avuto il successo che ha avuto senza la diretta, anche simultanea da più punti della città, dell’emittente locale Radio Acheruntia, che ha garantito un servizio tale da coinvolgere praticamente tutti in questa entusiasmante avventura.
Per la cronaca: il Palio l’ha vinto San Giacomo, il torneo dei giochi popolari Jungi. In serata Piazza Sprovieri ha ospitato il concerto conclusivo della sesta edizione del festival jazz Manouche, altra peculiarità dell’estate acrese.
Quindi inizio della notte bianca, con eventi spalmati sull’intero centro città e negozi aperti fino all’alba. Le iniziative commerciali messe in campo dimostrano che i commercianti si sono calati nello spirito della notte bianca, con sconti straordinari che finivano con l’arrivo delle prime luci del giorno successivo.
La giornata di sabato consegna un proliferare di iniziative spontanee, che le istituzioni pubbliche si limitano ad assecondare e disciplinare.
Peccato che si limiti unicamente a un periodo dal perimetro breve.

Fonte: Il Quotidiano della Calabria del 15/08/2011

PUBBLICATO 16/08/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

SPORT  |  LETTO 3665  
L’Olympic Acri scende in campo a difesa dell’Ospedale
L’Olympic Acri, allo stadio Comunale di San Giacomo d’Acri, incontra L’US Pedace e coglie l’occasione per manifestare contro la chiusura dell’Ospedale; i ragazzi scendono in campo indossando la magl ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3312  
PSC. Cervellati inadempiente, l’amministrazione comunale gli revoca l’incarico
Il rapporto tra il comune e l'architetto bolognese, Pier Luigi Cervellati, è terminato nel peggiore dei modi. Ovvero, con diffide, citazioni in giudizio e revoche.
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 2803  
L’incontro di Gesù nelle persone: ho avuto fame, sete; ero carcerato, forestiero, ammalato…
Più volte nella storia del cristianesimo si è discusso e anche oggi si discute sul rapporto tra fede e opere; fra possibili e facili fughe spiritualiste e una incarnazione nella storia considerata e ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3774  
CGIL l'ospedale di montagna, una beffa
Nell'ambito della giornata di mobilitazione nazionale, promossa dalla Cgil su “La salute è un diritto costituzionale”, ieri mattina si è tenuto un sit-in di protesta del sindacato di fronte al presi ...
Leggi tutto

VIDEO  |  LETTO 3429  
La fabbrica dei veleni
La vicenda della Marlane, industria tessile di Praia a Mare in Calabria, anche se poco conosciuta, rappresenta uno dei capitoli più bui della storia industriale italiana.
Leggi tutto