RELIGIONE Letto 2497  |    Stampa articolo

L’incontro di Gesù nelle persone: ho avuto fame, sete; ero carcerato, forestiero, ammalato…

sac. Sergio Groccia
Foto © Acri In Rete
Più volte nella storia del cristianesimo si è discusso e anche oggi si discute sul rapporto tra fede e opere; fra possibili e facili fughe spiritualiste e una incarnazione nella storia considerata eccessiva, giudicata impegno sociale politico, in cui non trasparirebbe la dimensione spirituale. Dalla lettura e dalla meditazione del Vangelo di Matteo 25,31-46 pare comunque di capire un sostegno molto evidente alla disponibilità e all'impegno concreto nei confronti delle persone che vivono una condizione di necessità, di dolore, di marginalità. Ancor di più, una identificazione fra loro e Gesù di Nazaret. Si tratta di una provocazione sorprendente, inquietante; di una esigenza radicale; il giudizio sulla fede e quindi sulla qualità umana della nostra vita è dato da questa disponibilità o non disponibilità concreta, quotidiana. Si descrive il giudizio finale che di fatto riguarda ogni giorno, anzi ogni nostra azione. Vengono a cadere tutte le prevenzioni, le riserve ideologiche e religiose; trovano ridimensionamento i dibattiti pur importanti sul credere o non credere.
La verifica della fede non è l'ortodossia; paradossalmente neanche l'appartenenza alla Chiesa, né la partecipazione all'Eucaristia, ma invece sono i gesti concreti di solidarietà attiva negli incontri con le persone bisognose, indigenti, sofferenti, emarginate.
L'incontro con il Signore avviene nel vivere la compassione nel prendersi a cuore, nel prendersi cura concretamente delle loro storie. Queste sono appartenenti a tutta l'umanità, come lo è la disponibilità: il superamento delle divisioni a motivo delle differenze etniche e religiose è un'esigenza indiscutibile e definitiva. Il Vangelo non indica atti eroici e straordinari, ma scelte e gesti espressi nella quotidianità. Possono essere solo personali e anche comunitari; immediati e diretti nella relazione e anche programmati e organizzati, sempre però animati dallo spirito.
"Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare": si tratta della risposta concreta a chi ha fame qui nella nostra società e soprattutto in tanti luoghi del Pianeta; Gesù è uno del miliardo e trecento milioni di impoveriti e affamati; esige l'impegno di denuncia e di proposta, di sobrietà e condivisione, personale e comunitaria; sociale, istituzionale e politico.
"Ho avuto sete e mi avete dato da bere": questa identificazione con chi è senz'acqua, con chi deve ricorrere ad acque non potabili induce a considerare l'elemento acqua: materiale, culturale e spirituale insieme; ad impegnarsi perché l'acqua non sia mai considerata merce, non venga privatizzata e neanche la sua gestione.
"Ero forestiero e mi avete ospitato nella vostra casa": nell'immigrato che chiede accoglienza umana; lavoro, casa, scuola, dignità, si dovrebbe scorgere il volto di Gesù che passa, si rivolge a noi persone, società, comunità cristiane. E' veramente incomprensibile, alla luce del Vangelo, la religione etnicizzata che legittima xenofobia e razzismo. Di fatto chi propugna questa sedicente religione priva completamente di fede e di riferimento evangelico non nomina mai Gesù di Nazaret, meno ancora ridice questo passaggio così fondamentale dell'insegnamento di Gesù
"Ero nudo e mi avete dato i vestiti": Gesù si identifica con chi non può indossare i vestiti e quindi non può presentarsi in modo dignitoso, ma anche con chi è spogliato dei suoi diritti umani fondamentali, della sua dignità. Dare i vestiti, riaffermare la dignità significa incontrare il Signore.
"Ero malato e siete venuti a trovarmi": si tratta dell'atteggiamento di attenzione, premura, cura, vicinanza, accompagnamento al sofferente nel corpo, nella psiche, nell'animo; sensibilità e decisioni riguardano la relazione personale di vicinanza e nello stesso tempo la qualità professionale e umana delle risposte culturali, etiche, istituzioni e politiche adeguate.
"Ero in prigione e siete venuti a trovarmi": Gesù è ciascuno/a dei detenuti nelle attuali condizioni disumane; incontrarlo significa attenzione a questa questione drammatica; cultura e sensibilità nuove; impegno a favorire comprensione della situazione; disponibilità a scelte che possono comprendere la visita a qualcuno in carcere; e, come comunità, orientarsi a qualche esperienza alternativa di affido per scontare la pena in modo umano. "In verità, vi dico: tutte le volte che avete fatto ciò a uno dei più piccoli, di questi miei fratelli, lo avete fatto a me".

PUBBLICATO 21/11/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4006  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3609  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3808  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3962  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3448  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto