SPORT Letto 2796  |    Stampa articolo

Mister Ferraro difende la squadra

Marcello Gencarelli
Foto © Acri In Rete
E' arrivata un pò a sorpresa la sconfitta in Coppa Italia con il Cosenza. Per molti (tifosi acresi e non) se c'era una squadra favorita, in quanto avanti con la preparazione, e che avrebbe potuto vincere la sfida del "San Vito", era proprio l'Acri.
Chi ammette di non essere sorpreso affatto è il tecnico Ciccio Ferraro.
"Non mi ha sorpreso per nulla - ha commentato mister Ferraro - la gara di coppa, cosi come avevo già detto alla vigilia, ha messo in mostra capacità e limiti di questa squadra. Nel complesso, cosi come ho già dichiarato al termine della partita, abbiamo disputato una buona gara dove non meritavamo di perdere. Il Cosenza - ha aggiunto - è stato bravo ad andare in rete alla prima occasione creata mentre noi abbiamo mancato il gol con Maio. L'Acri ha disputato un buon primo tempo ed una ripresa di qualità inferiore. Siamo stati bravi a concedere poco cosi come dobbiamo riconoscere che siamo stati meno bravi a finalizzare. Certo - ha aggiunto - la partita col Cosenza, ha messo in mostra qualche difetto in difesa cosi come qualcosa che non va nel reparto avanzato. Sapevamo ed abbiamo avuto conferma di quelli che sono i nostri limiti. Dobbiamo ancora crescere e migliorare ".
Un Acri quindi che deve crescere e che pensa ora al campionato. Una stagione, quella che prenderà il via il prossimo 4 settembre, con avvio sulla carta tutto in salita per De Luca e soci. Prima uscita infatti in casa del Marsala, poi debutto casalingo con una delle principali candidate alla vittoria finale: il Messina.
"Partiamo da matricola e sappiamo qual è il nostro obiettivo - ha proseguito Ferraro - mantenere la categoria. Questo dobbiamo mettercelo bene in testa ma credo che, in attesa di scoprire la forza effettiva delle altre squadre, credo possa essere alla nostra portata".
Difficile ora capire e stabilire se e come la società deciderà di muoversi sul mercato. Certo nel corso della prossima settimana non è da escludere qualche colpo che la dirigenza del presidente Scaramuzzo potrebbe mettere a segno.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 27-08-2011.

PUBBLICATO 27/08/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

SPORT  |  LETTO 3657  
L’Olympic Acri scende in campo a difesa dell’Ospedale
L’Olympic Acri, allo stadio Comunale di San Giacomo d’Acri, incontra L’US Pedace e coglie l’occasione per manifestare contro la chiusura dell’Ospedale; i ragazzi scendono in campo indossando la magl ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3304  
PSC. Cervellati inadempiente, l’amministrazione comunale gli revoca l’incarico
Il rapporto tra il comune e l'architetto bolognese, Pier Luigi Cervellati, è terminato nel peggiore dei modi. Ovvero, con diffide, citazioni in giudizio e revoche.
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 2797  
L’incontro di Gesù nelle persone: ho avuto fame, sete; ero carcerato, forestiero, ammalato…
Più volte nella storia del cristianesimo si è discusso e anche oggi si discute sul rapporto tra fede e opere; fra possibili e facili fughe spiritualiste e una incarnazione nella storia considerata e ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3767  
CGIL l'ospedale di montagna, una beffa
Nell'ambito della giornata di mobilitazione nazionale, promossa dalla Cgil su “La salute è un diritto costituzionale”, ieri mattina si è tenuto un sit-in di protesta del sindacato di fronte al presi ...
Leggi tutto

VIDEO  |  LETTO 3421  
La fabbrica dei veleni
La vicenda della Marlane, industria tessile di Praia a Mare in Calabria, anche se poco conosciuta, rappresenta uno dei capitoli più bui della storia industriale italiana.
Leggi tutto