NEWS Letto 1267

Giustizia. Uffici di prossimità. Uno anche ad Acri


Foto © Acri In Rete



Avvicinare la giustizia ai territori offrendo ai cittadini l'opportunità di usufruire di questo importante servizio con una più adeguata capillarità. E' l'obiettivo del progetto "Uffici di prossimità" promosso dalla Regione Calabria in collaborazione con il Ministero della Giustizia e l'Agenzia per la coesione territoriale nell'ambito del Pon "Governance e capacità istituzionale 2014-2020 e con il coinvolgimento concreto di Comuni e Tribunali. L'iniziativa è stata illustrata nel corso di una conferenza stampa a Catanzaro dal presidente della Regione Roberto Occhiuto, dalla vicepresidente Giusi Princi e dal presidente della Corte d'Appello di Reggio Calabria Luciano Gerardis. Il progetto, che interviene anche a seguito della riduzione di presidi giudiziari dovuta alla revisione delle circoscrizioni, prevede un investimento totale di un milione 653 mila euro per l'istituzione di 25 uffici in rete con i Tribunali della regione in altrettanti comuni calabresi. "L'obiettivo - ha detto Occhiuto - è quello di dare ai cittadini un servizio giustizia migliore e per questo devo ringraziare l'assessore Princi che ha dato un nuovo impulso a questo progetto che è stato realizzato in tante realtà d'Italia e che merita ancora di più di essere attuato in Calabria. In presenza di Tribunali con carenze di organico e difficoltà infrastrutturali importanti, costruire una rete di uffici di prossimità è fondamentale". "Anche in Calabria - ha detto la vicepresidente Princi - un finanziamento importante ci permetterà di costruire 25 punti di contatto o accessi in grado di agevolare le esigenze di giustizia delle fasce più deboli della popolazione che potranno rivolgersi direttamente a questi uffici evitando di doversi recare nei Tribunali e nelle cancellerie". "Questi uffici non sono sostitutivi degli uffici giudiziari - ha precisato Gerardis - ma rappresentano comunque il primo passo di un processo che potrà portare lontano". Per il presidente della Corte d'Appello di Reggio, inoltre, "anche il contrasto alla criminalità organizzata passa dall'utilizzo di questo strumento di legalità". (ANSA). I comuni interessati sono Crosia, Cirò Marina, Strongoli, Mileto, Santa Severina, Oriolo, Acri, Corigliano-Rossano, Praia a Mare, Belvedere Marittimo, San Giovanni in Fiore, San Marco Argentano, Scalea, Cassano Jonio, San Sosti, Verbicaro, Cariati, Cetraro, Maida, Villa San Giovanni, Rocca Imperiale, Paterno Calabro, Santa Sofia d’Epiro, Chiaravalle Centrale ed Oppido Mamertina.

PUBBLICATO 07/02/2022  |  © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

EDITORIALE  |  LETTO 1858  
L'amministrazione comunale cede alle tentazioni di Malena
Alla fine l’amministrazione comunale ci ha ripensato ed ha deciso di sostenere con il proprio patrocinio (per patrocinio si intende una forma sim ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1375  
La ''civiltà'' ed il culto dei morti
Permettetemi di prendere spunto dalla “lettera aperta” che il mio caro amico Vincenzo Rizzuto indirizzava al sindaco (la trovate qui) per esprime ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 862  
Le reliquie di Sant’Angelo d’Acri in peregrinatio negli Stati Uniti
Ottobre è il mese che ha visto la nascita e la morte di Angelo d’Acri (19 ottobre  1669, Acri - 30 ottobre 1739, Acri), beatificato da Papa Leone ...
Leggi tutto

IL FATTO DEL GIORNO  |  LETTO 2133  
Vicenda Malena. Dalla locandina spariscono Comune, Lions, Pro Loco, Fidapa, Maca e Rotary. Le bacchettate di Marziale
Alla fine Cineincontriamoci è stata costretta a fare marcia indietro ed a divulgare una nuova locandina dalla quale spariscono Comune, Lions, Ro ...
Leggi tutto

IL CASO  |  LETTO 3203  
La pornostar Malena ad Acri. Comune, Lions, Fidapa, Rotary, Pro Loco e Maca prendono le distanze
Ammettiamo la nostra ignoranza; fino a mercoledì sera non sapevamo dell’esistenza di Filomena Mastromarino in arte Malena, di professione pornost ...
Leggi tutto

ADV