OPINIONE Letto 4826

Dopo la porchetta, l'horror vacui


Foto © Acri In Rete



Gentile Direttore, ho letto con interesse, come sempre faccio, l'ultimo articolo di Acrinrete sul primo consiglio comunale (clicca qui, ndr) e vorrei aggiungere qualche riflessione personale.
Credo anzitutto che il massimo "pathos" si sia raggiunto molto prima di ieri, ed esattamente quando, in campagna elettorale, si sono visti e sentiti bambini urlanti nei comizi, coi palloncini in mano, mentre i genitori si rimpinzavamo di pizza e panini con porchetta (ciò mi ha ricordato le "americanate" viste nelle elezioni USA e pure il film Rocky IV). Altro aspetto sottolineato dalla vostra Testata: la lettura degli interventi.
Se é vero che la Costituzione non chiede titoli di studio per fare il politico, è anche vero che dai rappresentanti del popolo ci si aspetti qualcosa di più che la mera lettura di interventi preconfezionati.
Ed invece, dopo il frastuono elettorale è rimasto l'horror vacui, e ciò era fatale.
Numeri alla mano, chi ha vinto lo ha fatto con una risicata manciata di voti, frutto di una macchina del consenso messa a punto da cinque anni, che ha scaltramente racimolato con perseveranza "bellica" quei voti necessari a vincere di misura.
È un fatto però che quasi metà elettorato non abbia votato e, dei votanti, la metà, me compreso, volessero un altro sindaco.
Finita la fiera e l'autocelebrazione fine a stessa, resta ben poco di concreto ed una miriade di problemi irrisolti.
Chiunque sarebbe atterrito, ma l'attuale amministrazione no. É un fatto che questa amministrazione (cambiano i suonatori, ma la musica è la stessa, come lo stesso è il maestro di musica, con lo stesso segretario generale, senza spoil system) abbia registrato una miriade di fallimenti, personali e politici.
Non sono qui a fare tediosi e tristi elenchi, ma una comunità senza acqua corrente per tutti, senza ospedale, senza strade efficienti e con un'amministrazione senza risultati ha ben poco di cui bearsi.
Per non parlare della panzana del dissesto, smentita dalla Corte dei Conti e dall'ufficio GIP del Tribunale di Cosenza, e del profluvio di querele cadute sugli Acresi.
A sconvolgere però non è questo, ma piuttosto l'atteggiamento da "rane bollite" di Chomsky degli Acresi, che già hanno ripreso a lamentarsi, senza tuttavia avere avuto il coraggio del cambiamento.
Eppure i presupposti c'erano tutti, perché l'alternativa era valida ed Acri ne avrebbe giovato.
Ma in questa "favola" le cose sono andate al contrario: il "rospo" è diventato principe dell'opposizione e altri, con i suoi "diciamo" ripetuti a iosa, è sempre lì.
Se il buongiorno si vede dal mattino, vedo nubi grigie nell'orizzonte di Acri.

PUBBLICATO 19/07/2022  |  © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS   |  LETTO 233  
Inaugurata la biblioteca micologica
L’ottobre micologico acrese, rassegna ormai storica del Gruppo..... ...
Leggi tutto

IL CASO  |  LETTO 1311  
Sanità malata. Dopo otto mesi arriva la visita ma viene erogata parzialmente
In attesa che in futuro (ci si augura a breve termine) il Beato Angelo venga..... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 944  
Lions Club Acri: screening gratuito della vista e raccolta di occhiali usati
Anche quest’anno, la vista è tra i punti cardine dell’impegno sul territorio.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 574  
Venerdì la neo deputata Vittoria Baldino incontra i cittadini di Acri
Il risultato ottenuto dal Movimento 5 Stelle ad Acri riempie di orgoglio per la fiducia accordata ancora una volta dai nostri concittadini all&rs ...
Leggi tutto

LIBRI  |  LETTO 339  
San Demetrio. Sabato la presentazione del libro
È in programma sabato primo ottobre, presso la sala teatro del Collegio di Sant’Adriano, la presentazione del libro: PERCORSI E MOMENTI DI STORIA ...
Leggi tutto

ADV