OPINIONE Letto 1487  |    Stampa articolo

Il Corto di Muccino sulla Calabria. Si poteva fare di più e meglio

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook
Scriviamolo subito. Non è nostra intenzione giudicare l’aspetto tecnico né i contenuti del lavoro, “Calabria terra mia”, del regista Muccino sulla Calabria, commissionato dall’attuale amministrazione regionale.
Non abbiamo né le competenze né le conoscenze. In questo scritto vogliamo solo esprimere una posizione, strettamente personale, in qualità di semplici cittadini calabri, osservatori e cronisti.
A noi non è piaciuto affatto, questo Cortometraggio della durata di sette minuti e del costo di circa 2 milioni di euro. Lo abbiamo visto tre volte e per altrettante volte siamo rimasti basiti.
Non indignati come molti sul web che stanno surclassando i fan del prodotto, ovvero amministratori regionali (non tutti per la verità si sono dichiarati soddisfatti) e loro staff.
Siamo convinti che si poteva fare di più e meglio. La Calabria non è questa, o meglio non è solo questa. Racconti ed immagini banali e scontati e qualche errore di troppo. Ad esempio, perché il bergamotto e non il cedro o le clementine o altri frutti,  viene definito l’oro di Calabria?
Da bocciare, certamente, l’immagine dei due protagonisti, gli innamorati Raoul Bova e la bella Rocio Munoz, che mano nella mano passeggiano in un campo di grano con sullo sfondo un parco eolico, questo sì, l’Oro di Calabria.
Poi, dialoghi in dialetto più siculo che calabro, trattorie con tovagliate anni ’50-‘60, partite a carte, asini e uomini con la coppola a passeggio, la soppressata con finocchietto (che tra l’altro non è proprio diffusa).
E l’arte? I musei? I Bronzi? I parchi naturali e archeologici? Campanella, Alvaro, Telesio, Preti, Padula e San Francesco? E le abbazie ed i castelli? Eppure, pare che il lavoro di Muccino, presentato alla Festa del Cinema di Roma, abbia riscosso successo. Muccino era stato chiamato per promuovere la Calabria e, invece, secondo noi, ne ha peggiorato l'immagine.
Una delusione pazzesca.
Luoghi comuni a iosa, proprio quelli che dovremmo eliminare per offrire un'altra narrazione della nostra terra.
E l’incipit è da dilettanti? “Dove vuoi che ti porto?”.
Questo è solo una nostra impressione, vedremo in futuro se il Corto avrà avuto gli effetti desiderati. Speriamo non venga utilizzato nella prossima campagna elettorale.


PUBBLICATO 22/10/2020 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1440  
Il confronto sulle idee e sui progetti, si, il falso e la strumentalizzazione, no
Sono giorni difficili a causa del caldo torrido e dell’emergenza idrica ma, soprattutto sono difficili..... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1471  
Solo livore e bugie, per le reti idriche c'è il finanziamento
Di fronte alla mancata conoscenza da parte del duo delle meraviglie, ripropongo la firma della convenzione per l'ingegnerizzazione.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2761  
Rubinetti a secco: disagio in tutte le famiglie di Acri
È assolutamente vero che al peggio non vi è mai fine… L’indecenza e la mediocrità politica dei due Papi (Bonacci-Capalbo) si rivela  nella sua massima manifestazione con la gestione della crisi idrica ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 360  
L'ospedale non va in vacanza
Abbiamo chiesto da tempo al Sindaco ed ai consiglieri di maggioranza e opposizione di convocare un consiglio comunale aperto per elaborare insieme un progetto comune sull’ospedale Beato Angelo. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1524  
Ambiente. Anche il lago Cecita è inquinato
Oltre al mare anche i laghi sono inquinati. Sono stati tre in tutto, uno per lago, i punti monitorati quest’anno dalla Goletta di Legambiente nelle acque dei Laghi Arvo, Cecita e Ampollino e sottopost ...
Leggi tutto