OPINIONE Letto 1117  |    Stampa articolo

Il Corto di Muccino sulla Calabria. Si poteva fare di più e meglio

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook
Scriviamolo subito. Non è nostra intenzione giudicare l’aspetto tecnico né i contenuti del lavoro, “Calabria terra mia”, del regista Muccino sulla Calabria, commissionato dall’attuale amministrazione regionale.
Non abbiamo né le competenze né le conoscenze. In questo scritto vogliamo solo esprimere una posizione, strettamente personale, in qualità di semplici cittadini calabri, osservatori e cronisti.
A noi non è piaciuto affatto, questo Cortometraggio della durata di sette minuti e del costo di circa 2 milioni di euro. Lo abbiamo visto tre volte e per altrettante volte siamo rimasti basiti.
Non indignati come molti sul web che stanno surclassando i fan del prodotto, ovvero amministratori regionali (non tutti per la verità si sono dichiarati soddisfatti) e loro staff.
Siamo convinti che si poteva fare di più e meglio. La Calabria non è questa, o meglio non è solo questa. Racconti ed immagini banali e scontati e qualche errore di troppo. Ad esempio, perché il bergamotto e non il cedro o le clementine o altri frutti,  viene definito l’oro di Calabria?
Da bocciare, certamente, l’immagine dei due protagonisti, gli innamorati Raoul Bova e la bella Rocio Munoz, che mano nella mano passeggiano in un campo di grano con sullo sfondo un parco eolico, questo sì, l’Oro di Calabria.
Poi, dialoghi in dialetto più siculo che calabro, trattorie con tovagliate anni ’50-‘60, partite a carte, asini e uomini con la coppola a passeggio, la soppressata con finocchietto (che tra l’altro non è proprio diffusa).
E l’arte? I musei? I Bronzi? I parchi naturali e archeologici? Campanella, Alvaro, Telesio, Preti, Padula e San Francesco? E le abbazie ed i castelli? Eppure, pare che il lavoro di Muccino, presentato alla Festa del Cinema di Roma, abbia riscosso successo. Muccino era stato chiamato per promuovere la Calabria e, invece, secondo noi, ne ha peggiorato l'immagine.
Una delusione pazzesca.
Luoghi comuni a iosa, proprio quelli che dovremmo eliminare per offrire un'altra narrazione della nostra terra.
E l’incipit è da dilettanti? “Dove vuoi che ti porto?”.
Questo è solo una nostra impressione, vedremo in futuro se il Corto avrà avuto gli effetti desiderati. Speriamo non venga utilizzato nella prossima campagna elettorale.


PUBBLICATO 22/10/2020 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 268  
L'insostenibile ipocrisia dell'amministrazione Capalbo
La dibattuta questione inerente alla tematica dell’ospedale, improvvisamente accesasi in periodo di piena campagna elettorale, ha fornito un comodo assist al classico politico di turno, ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1187  
Covid19, le norme più importanti del nuovo Dpcm. Spostamenti, bar, ristoranti, scuola
Di seguito le norme più importanti del nuovo Dpcm che entrerà in vigore domani 4 dicembre. Divieto di spostamenti tra le regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio ma possibilità di ritornare nel comune di ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 966  
Sanità, riattivare gli ospedali chiusi o ridimensionati
Riportiamo di seguito il comunicato stampa del deputato M5S Francesco Sapia, della commissione Sanità della Camera dei Deputati, riguardo alla riattivazione ed al potenziamento degli ospedali di pross ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 899  
Scuole, si ritorna tra i banchi a gennaio
Gli ultimi casi di positività, la difficoltà di fare lo screening al personale e i Dpcm in corso, hanno spinto il sindaco Capalbo a rinviare a gennaio il ritorno tra i banchi per gli studenti di ...
Leggi tutto

TRADIZIONI  |  LETTO 200  
Gli spiriti del Natale
Dicembre è da sempre considerato un mese magico, ricco di leggende e tradizioni che riguardano tutto il mondo..... ...
Leggi tutto