NEWS Letto 3577  |    Stampa articolo

Arminio. “Per Acri ho fatto ancora poco ma Siluna Fest deve continuare”

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


In una lunga intervista rilasciata al giornalista Paride Leporace, pubblicata sul numero di ieri de “La gazzetta del sud”, il poeta e scrittore Franco Arminio, parla anche di Acri e del Siluna Festival. Chiede Leporace; la tua paesologia ispira Siluna fest ad Acri curato da Giacinto Le Pera che ha realizzato due edizioni. E’ una manifestazione che può diventare mediaticamente attraente come “La luna e i Calanchi” ad Aliano in Basilicata?. Risponde Arminio; «Sono cittadino onorario di Acri, anche se in verità non è che ho fatto molto per quel paese, e sarei assai contento se Siluna diventasse un appuntamento importante. Perché accada ha bisogno di fiducia da parte dei responsabili del settore cultura in Regione e di una vicinanza tra gli innovatori sparsi sul territorio. Immagino che si possano realizzare delle azioni culturali che abbiamo come epicentri la Sila, le Serre e l’Aspromonte. Non bisogna dimenticare che la Calabria è essenzialmente una terra di montagne. Qui davvero l’orografia spiega tantissime cose. E avere tante montagne dentro un mare caldo è una situazione geografica di grande fascino e ai miei occhi una vera e propria assicurazione sul futuro». Diversi i tempi toccati nell’intervista; dalle critiche parole di Augias al problema ‘ndrangheta, dal suo amore per la Calabria allo studio per evitare lo spopolamento (anche qui), delle zone interne. Arminio, 63enne, è cittadino onorario di Acri dal dicembre 2019. Qualche mese fa una frase estrapolata da una delle sue tante ed apprezzate poesie (Tornate non dovete fare altro, qui se ne sono andati tutti specialmente chi è rimasto), apparsa su un cartellone pubblicitario nel centro silano, ha fatto molto discutere. All’indomani di ciò più di uno, forse in modo frettoloso e inopportuno, aveva chiesto, addiritura, la revoca della cittadinanza onoraria. Fortunatamente gli appelli sono caduti nel vuoto. Il poeta avellinese, che scrive sulle maggiori testate giornalistiche nazionali, ha avuto modo di chiarire tutto alla nostra testata durante una puntata di Focus.

PUBBLICATO 20/03/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

CRONACA  |  LETTO 1110  
Un anno fa la tragedia di Carnevale
Doveva essere un giorno di allegria, l’ultimo, trascorso con gli amici a..... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 458  
Il gruppo micologico ''sila greca'' vara un programma eccezionale
Dopo la pausa invernale il Gruppo Micologico Sila Greca riparte alla grande con un comitato direttivo che rivolge all’approvazione dell’imminente assemblea dei soci, un programma ricco di iniziative  ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 423  
Acri e la solidarieta’ senza latitudini
Le miglia percorse sono il segno di latitudini e di come sia vasta questa terra. Le miglia percorse non contano nulla, terra era, terra è ancora la stessa. Non esistono i confini, i perimetri sono ge ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 223  
Cosenza. Seconda edizione dell’ Amarcord calcistico fra squadre di prima categoria di tutta la provincia
Si concretizza l’Amarcord calcistico (2^ edizione) programmato dal Delegato della Commissione Cultura e Sport Mimmo Frammartino del Comune di Cosenza per l’ultima decade del mese di Maggio ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1486  
Ospedale, qualcosa si muove?
In attesa di conoscere i contenuti del nuovo atto aziendale, il Comitato "Uniti per.... ...
Leggi tutto