NEWS Letto 2325  |    Stampa articolo

Un acrese nell’Accademia della Crusca?

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


Gli acresi, è risaputo, riescono a farsi apprezzare anche fuori regione. Dalla musica alla ristorazione, dallo spettacolo allo sport, dalla cultura alla medicina, dal cinema all’astrologia, sono tanti i concittadini che hanno ottenuto gratificazioni e riconoscenze.
Se le informazioni in nostro possesso dovessero essere confermate, per la nostra comunità sarebbe un altro importante risultato.
Un acrese, difatti, starebbe per entrare nell’Accademia della Crusca. Sarebbe la prima volta.
L'Accademia della Crusca, fondata sul finire del 1500, è un'istituzione italiana che raccoglie studiosi ed esperti di linguistica e filologia della lingua italiana. E’ la più antica Accademia linguistica del mondo.
Massimo riserbo sul nome; si sa soltanto che è un uomo con comprovata esperienza nel settore e con un curriculum ricco e qualificato, così come richiesto dall’Accademia.
Ha alle spalle ore ed ore di insegnamento negli istituti scolastici di ogni ordine e grado, nelle Università e perfino nelle tv, sui social e nelle radio dove, non senza presunzione, dispensa lezioni di italiano attraverso anche l’uso della matita rossa.
Ed ancora, master, pubblicazioni, docente Erasmus e corsi di formazione per giovani ed adulti.
Tantissimi gli alunni (che ancora oggi lo ringraziano), che, nel corso degli anni hanno potuto apprezzare le sue doti e la sua preparazione. È anche membro di associazioni che hanno il compito di divulgare, con ogni strumento, la cultura locale in tutto il mondo.
Spesso è presente, come relatore o chairman, in conferenze e seminari, nazionali ed internazionali.
Insomma una figura di alto profilo, come pochi, un orgoglio per l’intera città che da oggi può ritenersi più ricca.
Per lui un giusto riconoscimento dopo anni ed anni, ore ed ore di studio e di ricerca, in Italia ed all’estero.
Docenti ed alunni acresi, e calabresi, avranno un valido punto di riferimento a cui rivolgersi in caso di dubbi e perplessità sull’uso della lingua italiana.
Una persona che meriterebbe, a questo punto, la cittadinanza onoraria.
Altro che Arminio e Muscetta!!
L’ingresso nell’Accademia dovrebbe avvenire la domenica di Pasqua, nel corso di una cerimonia a Firenze a cui parteciperanno anche le istituzioni locali (amministratori, scuole, forze dell’ordine, fondazioni ed associazioni).
Davvero un bel regalo per lui ed i suoi familiari.
Al nostro concittadino, di cui speriamo di svelarvi presto nome e cognome e di averlo ospite in una puntata di Focus, i complimenti di Acri in rete.
Con la speranza che la notizia non sia un Pesce di Aprile.

PUBBLICATO 01/04/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

IL FATTO DEL GIORNO  |  LETTO 869  
Piattaforme elisoccorso. Annunci fasulli e finanziamenti revocati?
Lo scriviamo con onestà; se non fosse stata per la nota della consigliera regionale Pd, Amalia Bruni, non ci saremmo ricordati delle piattaforme per l’eliambulanza che dovrebbero essere realizzate nel ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1272  
Piattaforme eliambulanza. Ritardi e soppressioni
“La strategia nazionale per le aree interne (Snai) rappresenta una politica di sviluppo e coesione territoriale che mira a contrastare la marginalizzazione e i fenomeni di declino demografico proprio ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 911  
ANPI Acri. Giacomo Fuscaldo è il presidente
Nei giorni scorsi, nella sede della Cgil, si è tenuto un incontro tra gli iscritti all'Anpi, associazione nazionale partigiani, nel corso del quale sono stati eletti gli organismi all'unanimità è stat ...
Leggi tutto

PERSONALITA'  |  LETTO 325  
Un significativo ricordo del Sindaco di San Demetrio Corone Avv. Angelo Corrado in un lavoro editoriale dello storico Domenico Cassiano
Nel libro del prof. avv. Domenico Cassiano: “Fascismo Antifascismo nella Calabria albanese” – ICSAIC 2016 - nel capitolo dal titolo: “Resistenza al fascismo e organizzazione clandestina” ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 2196  
Parco eolico. “Scongiurata anche la scomparsa dello stemma araldico della città”
Una voce fuori dal coro. Quella di Luigi Caiaro, già consigliere comunale nonché componente dell’associazione Acri.0. Dopo aver letto il nostro editoriale, ha inteso inviarci una nota. ...
Leggi tutto