OPINIONE Letto 1388  |    Stampa articolo

Un cuore sempre in cammino

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
condividi su Facebook


Ancora pochi mesi e saranno passati 4 anni dal giorno nel quale Antonio Perrellis si avventurò in una iniziativa che avrebbe sbalordito l’Italia intera e reso orgogliosi tutti noi acresi.
Il primo settembre del 2019, infatti, Antonio iniziò un cammino a piedi che lo portò da Torino ad Acri. In 28 giorni riuscì nell’impresa di percorrere i 1.176 km che separano Acri dal capoluogo piemontese.  Un’idea pazzesca e fino a quel momento difficilmente immaginabile.
Una sfida al limite del temerario, non priva di insidie e di pericoli, che mise a dura prova il suo fisico, ma non piegò mai la sua tenacia e la sua determinazione.
“Ancora oggi - confessa -, quando ripenso ai momenti complicati, ho la consapevolezza che fu il cuore a trascinarmi oltre le difficoltà. Un ruolo importate in quei giorni di settembre lo ebbero anche gli acresi che “incrociarono” i miei passi.  Si mobilitarono per non farmi mancare non solo il loro entusiasmo ma, in molti casi, anche un aiuto concreto.”
Il 3 ottobre 2019, quando finalmente Antonio arrivò al traguardo, trovò la città in fermento. Migliaia di persone prima lo accolsero a braccia aperte e successivamente parteciparono alla bella serata in suo onore   organizzata ai piedi della Chiesa di Santa Maria Maggiore, in una dei quartieri più suggestivi del centro storico.
L’impresa, nata   con il nobile scopo di raccogliere fondi per beneficenza, fu un successo anche nella raccolta. Nel 2020 Antonio ha pensato di raccontarla in un libro dal titolo “Io & 1.176 km da Torino ad Acri”.
Lo presentammo insieme per la prima volta ad agosto del 2021 ad Acri, il ricavato contribuì ad incrementare la raccolta fondi.
Il libro, che è una sorta di “diario di bordo” nel quale si raccontano molti aspetti inediti delle tante tappe del lungo viaggio, ancora oggi incontra l’interesse nei lettori tant’è che Antonio Perrellis lo ha presentato  il 23 di marzo  in provincia di Cuneo nella biblioteca di Priocca.
Il ricavato delle copie vendute è andato interamente alla famiglia di Gabriele, un bambino in cura all’ospedale Gaslini di Genova.
Lunedi 19 giugno l'autore è stato intervistato da Radio Spazio Ivrea e il 24 sarà ospite a Bardolino nell’ambito del “Bardolino Film Festival”.
Anche in questa occasione il ricavato della vendita del libro sarà devoluto in beneficenza, perché Antonio ha un grande cuore che è sempre in cammino.

PUBBLICATO 21/06/2023 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 444  
Successo per la giornata ecologica: al centro comunità e ambiente
Sono stati ripuliti le fontana e  le vie del  centro  di Cda Pertina. La giornata è stata organizzata dal Circolo “IL RITROVO APS”- Nella mattinata di Domenica  2 Giugno il Circolo “IL RITROVO aps” ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 868  
Onorificenza post mortem a Giacomo Matteotti
Un Uomo "eroico" nella sua normalità, ma intransigente, coraggioso, irriducibile, denunciò gli abusi e le violenze con cui il regime fascista mussoliniano aveva vinto le elezioni politiche del 6 April ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 791  
La scuola mette le ali
Un sole estivo illumina Anzio, la bella città sul mare distante appena un’ora di treno da Roma. Per fortuna, una leggera brezza marina rende gradevole la temperatura. Nel cielo i gabbiani disegnano t ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 898  
“La mia forza è la moderazione”… anche nelle sconfitte e nei tradimenti
Fa tappa anche ad Acri “La mia forza è la moderazione”, il libro autobiografico di Mimmo Bevacqua, capogruppo Pd alla regione, intervistato da Salvatore Audia, direttore responsabile di esperia. ...
Leggi tutto

CULTURA  |  LETTO 880  
“La notte di Natale” di Padula. Acri/Torino e ritorno
Dopo la Festa del libro di Torino, “La notte di Natale” è stato presentato ad Acri, nel palazzo Falcone e cattura l’attenzione e la curiosità di molti anche in un periodo lontano dal Natale. ...
Leggi tutto