OPINIONE Letto 1647  |    Stampa articolo

Sogno '95

Foto © Acri In Rete
Angelo Mustica
condividi su Facebook


Acri è come un sogno, che ci si arrivi dalla strada della frana o dalla galleria, benvenuti nella città di Sant’Angelo, il centro si stende sonnolento fra il verde e l’azzurro del cielo che copre le sue 160 frazioni per 18642 abitanti. Il grande sogno collettivo era un’utopia sansostiana che sarebbe seguita alla santificazione del Beato Angelo, flotte di fedeli e turisti avrebbero pregato mangiato e dormito, immesso nuova fede e nuovo denaro nei cuori e nelle tasche dei cittadini. Il sacrificio necessario è stata la demolizione di una scuola media (ricollocata) e del rosso piazzale antistante la basilica dedicata al Beato, sostituiti da un simil svincolo autostradale con parcheggi, un mezzo busto votivo donato da un’associazione. Tutto bianco.
Nel dedalo amministrativo della sanità della regione Calabria dev’essersi persa la comunicazione degli organi ecclesiastici poiché l’ospedale Beato Angelo non ha mai ricevuto la dovuta promozione onomastica e forse per questo, o come castigo per l’idolatria, la comunità viene punita con un incessante depotenziamento della struttura sanitaria. 
Acri, la mitica capitale della Pandosia, custode del terzo paradiso di Pistoletto.  La galleria era uno dei suoi sogni, realtà dopo tanti anni e staffette amministrative, come il palazzetto dello sport, agibile a giorni alterni e sede di sponsorizzazioni ed ipotetici eventi sportivi. 
Non tutti i sogni diventano realtà, uno di questi è il “Super carcere”, una struttura detentiva di massima sicurezza che sarebbe dovuta sorgere sull’altro versante della montagna, un luogo immaginifico visibile dalla Torre civica, rovina di un castello sulla cima della montagna. La torre e i rioni sarebbero stati raggiungibili dal purgatorio con un altro sogno irrealizzato, quello del trenino.
Lungo l’isola pedonale che va dalla chiesa dell’Annunziata alla fontana del Nettuno hanno sognato una penisola pedonale, un attraversamento per autovetture a tagliare il museo a cielo aperto, davanti ai locali che ospiteranno la nuova banca.
Un paese da sogno fatto da sogni e sognatori, in una città simile non c’è più un cinema perché è palcoscenico di una così vasta platea di attori registi critici e pubblico pagante da non aver bisogno della fiction.
Anch’io ho sognato, con un’intera generazione, in un Liceo sotto un traliccio dell’alta tensione, abbiamo sognato il sogno dell’istruzione, figli della generazione del sogno dell’ascensore che dal Calamo interrato ci avrebbe portato a Via Padula. Abbiamo sognato durante la manifestazione del 2011, gli striscioni, “Iamavanti”, i cori “Scendi giù scendi giù manifesta pure tu!”, “l’ospedale non si tocca”, la convinzione di poter cambiare qualcosa con il solo fiato che avevamo nei polmoni, fino a sgolarci. 
L’organizzazione nella palestra del Liceo classico, l’umidità scura mista alla polvere, lo strano calore e la tachicardia di partecipare alla vita pubblica, di poter essere qualcosa che non sei nemmeno in grado di immaginare. I sogni possono trasformarsi in speranze spezzate dall’indifferente succedersi degli eventi. Ora ti chiedono di manifestare, poi se ne dimenticheranno e ad un certo punto ti chiederanno il voto; dai frammenti del sogno ti venderanno una clinica privata con il sogno del lavoro e della salute.
Ti chiedono di manifestare ma non organizzano una discussione, non parlano di come si è arrivati a questo punto, non mettono a disposizioni spazi di aggregazione che sarebbero fondamentali per dibattere e proporre. Ti chiedono di fare e non importa di chi sarà il fallimento preannunciato, le conseguenze ricadranno comunque sulla comunità. Loro si beccano come galli, poi viaggiano, sognano di arricchirsi e il cittadino è qui, nei suoi 200,63 km². 
Non chiederti se a loro importa qualcosa della comunità, chiediti quanto importa a te. Loro non faranno mai nulla, tu cosa puoi fare? Sai parlare? Bene. Sai camminare? Bene. Sai suonare o disegnare? Meglio Qualunque sia la cosa che puoi fare, falla, parlane, aggrega, discuti, sbaglia, continua.
Non sei così inutile contro la marea che ti sovrasta. Non c’è traguardo se c’arrivi da solo. 

PUBBLICATO 26/03/2024 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 356  
Acri nel Paese delle meraviglie: la Regina di cuori declina l'invito per il thè
Mi appello all' intelligenza di tutti coloro che hanno investito tempo ed.... ...
Leggi tutto

CURIOSITA'  |  LETTO 114  
A proposito della toponomastica storica sandemetrese
È risaputo che la toponomastica storica sandemetrese è stata elaborata dal poeta.... ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 1076  
Consiglio comunale. Scintille e accuse reciproche tra Capalbo e l'ex sindaco Bonacci
Al posto dei consiglieri comunali tutti e della giunta, non saremmo contenti all’indomani del consiglio comunale dello scorso 11 aprile. L’assise era stata convocata dal presidente Simone Bruno ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 208  
La casa di Abou Diabo e Liberaccoglienza a sostegno di Maysoon Majidi
In occasione del Festival “Frontiere”, sui temi delle migrazioni e dell’accoglienza, organizzato dall’Associazione Migrantes, dall’11 al 14 aprile 2024 a Cosenza, gli operatori de “La Casa di Abou Dia ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1182  
Ristrutturazione del pronto soccorso. Ecco come diventerà
Oltre un milione di euro per la ristrutturazione del pronto soccorso. Nelle venti pagine della relazione tecnica dell’Asp si legge, tra l’altro, che obiettivo del presente documento ...
Leggi tutto