POLITICA Letto 3547  |    Stampa articolo

Consiglio comunale su rideterminazione tariffe. Ecco cosa aumenta

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
condividi su Facebook
Nella giornata di giovedì, il Consiglio Comunale si è riunito per discutere ed approvare la rideterminazione delle tariffe e dei tributi. Alla fine, l’ordine del giorno è passato grazie a nove voti favorevoli, quelli della maggioranza, ed otto contrari. Si tratta di una manovra finanziaria imposta dalla legge, dopo la dichiarazione del dissesto finanziario dello scorso 27 dicembre, che dovrebbe garantire alle casse comunali entrate pari a 30mila euro.
I tributi, ovvero servizio idrico, Tari e Tasi, non sono stati rivisti al rialzo così come l’Imu. In sostanza sono aumentati le tariffe per i servizi cosiddetti a domanda individuale.
Ventimila euro saranno i proventi della mensa scolastica e del trasporto scolastico, i restanti 10mila euro da diritti di segreteria legati all’urbanistica ed all’edilizia. La tassa sulla carta di identità passa da 5 a 10 euro.
Restano invariate le tasse per l’occupazione del suolo pubblico e sulla pubblicità. E’ stata una seduta lunga e accesa con il duro scontro tra maggioranza ed opposizione, oramai ai ferri corti.
Ciò fa presagire una campagna elettorale (si vota il prossimo anno) senza esclusioni di colpi. Ora, però, l’attenzione è rivolta all’arrivo dei Commissari nominati dalla Prefettura.
Essi dovrebbero mettere piede a palazzo Gencarelli tra un mese circa. Nel frattempo gli uffici e la parte politica, sono limitati nelle loro azioni.
La dichiarazione di dissesto finanziario da parte del Consiglio Comunale (approvato solo dalla maggioranza) è stato necessario dopo la bocciatura del Piano di rientro da parte della Corte dei Conti della Calabria e del ricorso alla Corte dei Conti di Roma.
In sostanza, l’Organo di controllo ha evidenziato gravi anomalie nei bilanci relativi agli anni 20111 e 2012 e insufficienze nel Piano di rientro approvato dal Consiglio Comunale nel luglio del 2014. Alla scadenza naturale manca un anno e mezzo durante il quale il sindaco Nicola Tenuta sarà costretto a programmare l’attività amministrativa in collaborazione con i Commissari.
Il loro arrivo è auspicato da tutti nel più breve tempo possibile.   

PUBBLICATO 28/01/2017 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS   |  LETTO 1870  
Capalbo a Rlb; “mi ricandido”
“Mi ricandido.” C’è un primo candidato ufficiale a sindaco alle comunali del 2022.... ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 253  
Sereno anno scolastico
Domani, lunedì, anche gli studenti (circa 2000), i docenti, il personale Ata ed i collaboratori scolastici delle scuole acresi.... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 439  
Distaccamento dei Vigili del fuoco. Trattativa aperta
L’incendio di ampie proporzioni, di certo di natura dolosa, divampato nella serata di giovedì scorso in località Serra di Buda, riporta in primo piano la necessità della presenza sul territorio di una ...
Leggi tutto

Favole  |  LETTO 176  
Il bosco dei sogni
Varcavo da giorni i confini dei sogni. Nelle similitudini dei giorni continui, camminavo sorretta dalle nubi del pensiero. Ero pronta a solcare un nuovo viaggio, costruito spontaneamente per aggirare ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 986  
Rifiuti, nuovi mezzi e nuovi raccoglitori
Ecoross prosegue gli interventi nell’ambito delle attività previste dal nuovo Servizio di Igiene Urbana nel Comune di Acri. A 720 m d’altitudine, Acri possiede 200 km² di superficie, ...
Leggi tutto