Opinione Letto 1897  |    Stampa articolo

La lingua cinese ad Acri!

Luigi Algieri
Foto © Acri In Rete
Approfittando di certe mie recenti letture sulla ricchissima letteratura cinese... colgo l'occasione per mettere, qui sotto, un interessante articolo tratto da "CEM Mondialità, il portale dell'educazione interculturale". Leggerlo costerà qualche proficuo e piacevole minuto. C'è l'essenziale sui radicali cambiamenti concernenti l'importanza (fenomenale) che sta acquistando, con velocità impressionante, la lingua cinese nel mondo. Ad esempio in Francia. Una vera e propria esplosione, esponenziale, del grande interesse per la lingua e per la cultura di questo immenso e per tanti versi straordinario paese ch'è la Cina.
Volendo saperne di più, si puo' cliccare "insegnamento del cinese": per una montagna di notizie, anche sui licei ed le università italiane dove viene attualmente insegnato.
Mi sembra evidente che questa lingua (è una lingua tonale) apre, ai giovani che la studiano con serietà ed applicazione, tante ricche possibilità, culturali e lavorative...
I nostri fratellini cinesi sono in piena espansione (industriale, culturale, eccetera). Certo, in Cina ci sono problemi diversi ed anche gravi (ma, dov'è che ne mancano?). Possiamo comunque scommettere che, con la progressiva formazione di una classe media di produttori e di consumatori (ad es., i Cinesi sono molto attratti dai prodotti degli altri paesi, compresi quelli italiani: ve ne risparmio la lista...), il Paese di Confucio, del Buddismo e del Taoismo (ci sono anche una buona decina di milioni di cattolici), cosi come fu il caso del Giappone, è e sarà sempre più presente, ed in mille modi, nel nostro quotidiano...
UN'INDICAZIONE: La Facoltà di Studi Orientali dell’Università di Roma “la Sapienza”, in collaborazione con l’Università di Lingue Straniere di Pechino (BFSU), grazie al sostegno dall’Ufficio Nazionale per l’Insegnamento del Cinese come Lingua Straniera del Ministero della Istruzione cinese ha istituito a Roma il primo Istituto Confucio in Italia, nell’intento di rafforzare la cooperazione in campo didattico-scientifico tra la Cina e l’Italia e di promuovere la comprensione reciproca tra i due popoli.
Mi sembra evidente che anche da noi, ad Acri (!) l'insegnamento nelle Medie e nei Licei di questa lingua che sta diventando la più importante del mondo, sarebbe un'ottima cosa. Qui in Francia, il Ministero della Pubblica istruzione fa venire degli insegnanti dalla Cina, insegnanti che parlano molto bene il francese, beninteso. Riflettendoci, il problema mi sembra questo: per l'insegnamento dell'inglese, abbiamo dovuto aspettare decenni... Non sarebbe meglio se col mandarino le cose andassero in modo completamente opposto?
Credo, veramente, che l'Amministrazione comunale deve interessarsi anche a queste cose. Dovrebbe incominciare a valutare diverse possibilità. Prendere i contatti necessari... eccetera. Ci sarebbero altre iniziative, già possibili. Tra l'altro: corsi elementari "pubblico-privati" finanziati dal comune, in collaborazione con vari enti (Fondazioni, Istituti bancari, etc.) per permettere ai nostri giovani un primo contatto con questa lingua... e quindi con questa grandissima civilizzazione.
Per maggiori informazioni, ved. nel sito: www.istitutoconfucio.it

PUBBLICATO 10/12/2007

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3007  
L'anno che sta arrivando.
Ogni volta scorgiamo sulla pelle e nel cuore i segni del dolore che immancabilmente ci lascia in triste eredità l'anno che se ne va; ma è anche alle piccole gioie, quelle che forse appaiono insignif ...
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2818  
Appuntamento al cinema...
A cura dell’anicagis (Associazione Nazionale Italiana dei Comuni a Gestione Innovativa della Spazzatura).
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2487  
Presentazione del libro: UN FUOCO INESTINGUIBILE Angelo d'Acri, Frate Cappuccino.
I Frati Minori Cappuccini alle ore 16:00 presso l'Aula Consiliare di Palazzo Sanseverino in Acri, vi invitano alla presentazione del libro di Giovanni Spagnolo "UN FUOCO INESTINGUIBILE" Angelo d'Acr ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2147  
I genitori di Erika ringraziano.
Ringraziamo di cuore il Presidente della Regione Calabria On. Agazio Loiero e tutto il Consiglio regionale, i capigruppo innanzitutto, per quanto stanno facendo per noi su iniziativa del nostro conc ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2378  
Feraudo: soddisfatto per Erika
Non avevo dubbio alcuno che il Presidente della Giunta On. Agazio Loiero non sarebbe rimasto insensibile di fronte al caso umano della famiglia Minisci di Acri che, per garantire le giuste cure alla ...
Leggi tutto