News Letto 2097  |    Stampa articolo

Chiusa la scuola materna Pastrengo.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Dopo l’ultimo episodio c’è più di uno che ieri mattina davanti la scuola materna “Pastrengo” affermava che piuttosto che parlare di pubblica istruzione si dovrebbe parlare di “pubblica distruzione”. All’indomani degli ennesimi disagi che hanno coinvolto una scuola, i genitori alzano la voce e si dichiarano indignati per quanto accaduto.
Dall'altro ieri mattina la scuola di prima infanzia “Pastrengo” è interdetta a maestre e scolari. Con un’apposita ordinanza il sindaco Coschiganno, su richiesta del responsabile dell’ufficio tecnico, ha ritenuto opportuno dichiarare inagibile la struttura che all’interno presenterebbe pericolose lesioni. Sicchè ieri mattina mamme e papà, sfidando il forte vento di tramontana, hanno vissuto momenti di tensione e di comprensibile preoccupazione. Nessuno ha saputo dare loro una riposta su cosa era accaduto e su quando sarebbe riaperto il plesso. Oltre cento bambini hanno dovuto far ritorno a casa e qualcuno si augura che per loro non siano iniziate anticipatamente le vacanze natalizie. Con ogni probabilità, in attesa che vengono realizzati gli appositi rilievi, già da oggi gli alunni saranno trasferiti in un altro edificio, forse privato. Ma ieri ad essere preso di mira è stato l’assessorato alla pubblica istruzione che non sta certo brillando per efficacia ed efficienza. I genitori si chiedono se è stato fatto, prima che iniziasse l’anno scolastico, un giro di ricognizione in tutte le scuole comunali e se quella di Pastrengo possegga veramente tutti i requisiti di legge. Non è un momento felice per le scuole acresi. Una parte del liceo scientifico è allocato in alcune sale di palazzo Falcone, la media Padula è stata traslocata in un ex ristorante, la succursale media Da Vinci, causa ristrutturazione, è stata spedita al plesso principale, la scuola elementare di Seggio è stata trasferita in locali privati mentre i genitori degli alunni dell’ elementare e materna di Serralonga, denunciano lo stato di fatiscenza in cui versa la struttura.





PUBBLICATO 18/12/2007

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3007  
L'anno che sta arrivando.
Ogni volta scorgiamo sulla pelle e nel cuore i segni del dolore che immancabilmente ci lascia in triste eredità l'anno che se ne va; ma è anche alle piccole gioie, quelle che forse appaiono insignif ...
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2818  
Appuntamento al cinema...
A cura dell’anicagis (Associazione Nazionale Italiana dei Comuni a Gestione Innovativa della Spazzatura).
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2487  
Presentazione del libro: UN FUOCO INESTINGUIBILE Angelo d'Acri, Frate Cappuccino.
I Frati Minori Cappuccini alle ore 16:00 presso l'Aula Consiliare di Palazzo Sanseverino in Acri, vi invitano alla presentazione del libro di Giovanni Spagnolo "UN FUOCO INESTINGUIBILE" Angelo d'Acr ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2147  
I genitori di Erika ringraziano.
Ringraziamo di cuore il Presidente della Regione Calabria On. Agazio Loiero e tutto il Consiglio regionale, i capigruppo innanzitutto, per quanto stanno facendo per noi su iniziativa del nostro conc ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2378  
Feraudo: soddisfatto per Erika
Non avevo dubbio alcuno che il Presidente della Giunta On. Agazio Loiero non sarebbe rimasto insensibile di fronte al caso umano della famiglia Minisci di Acri che, per garantire le giuste cure alla ...
Leggi tutto