News Letto 2068  |    Stampa articolo

"Incontro con Acri: studiare il passato e progettare il futuro”.

Fabiana Fuscaldo
Foto © Acri In Rete
"Incontro con Acri: studiare il passato e progettare il futuro", questo lo slogan del progetto realizzato dalle insegnanti e dagli alunni delle classi terza, quarta e quinta del plesso Padia. La fase conclusiva del progetto è stata presentata, nei giorni scorsi, presso la scuola di Padia. Per l'occasione, le educatrici, aiutate dai genitori, hanno allestito una mostra con oggetti antichi, molti dei quali sono oramai in disuso. Inoltre, al caldo di un enorme fuoco, come vuole la tradizione, i cittadini hanno potuto degustare dolci e piatti tipici acresi, allietati da canti natalizi.
Gli allievi con una serie di visite guidate, si sono recati presso alcune imprese di Acri, dove hanno chiacchierato con gli imprenditori. Un viaggio alla ricerca delle tradizioni di una terra ricca di memorie, usanze e costumi. L'obiettivo è stato quello di riscoprire valori, usi e mestieri del passato. La rivoluzione industriale e l'affermarsi delle produzioni di massa hanno sicuramente inciso negativamente sulla produzione artigianale. Inoltre, tutta una serie di fenomeni legati alle grandi trasformazioni sociali contemporanee hanno determinato un sconvolgimento delle antiche tradizioni artigiane. La cittadina acrese è ancora punteggiata da attività artigianali e manifatturiere di antica tradizione tramandate nei secoli come segni di identità del territorio. Numerose piccole aziende e botteghe artigiane, con i loro prodotti, rappresentano la testimonianza di antichi saperi artigianali e l'espressione dei mestieri radicati nel territorio. Riscoprire la qualità delle antiche tradizioni di lavorazione permette di valorizzare il patrimonio.
Soddisfatto per l'iniziativa il dirigente del primo circolo didattico, Franco Murano. "Abbiamo intessuto uno stretto rapporto di collaborazione con le famiglie e con il mondo imprenditoriale, andando alla riscoperta di tradizioni che costituiscono l'anima di questa comunità. - ha affermato Murano - Gli scolari, le educatrici, i genitori e tutto il quartiere di Padia hanno collaborato a questo progetto che ha come valore fondante la solidarietà, la fratellanza e il vivere bene insieme."










PUBBLICATO 27/12/2007

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Opinione  |  LETTO 3007  
L'anno che sta arrivando.
Ogni volta scorgiamo sulla pelle e nel cuore i segni del dolore che immancabilmente ci lascia in triste eredità l'anno che se ne va; ma è anche alle piccole gioie, quelle che forse appaiono insignif ...
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2818  
Appuntamento al cinema...
A cura dell’anicagis (Associazione Nazionale Italiana dei Comuni a Gestione Innovativa della Spazzatura).
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2487  
Presentazione del libro: UN FUOCO INESTINGUIBILE Angelo d'Acri, Frate Cappuccino.
I Frati Minori Cappuccini alle ore 16:00 presso l'Aula Consiliare di Palazzo Sanseverino in Acri, vi invitano alla presentazione del libro di Giovanni Spagnolo "UN FUOCO INESTINGUIBILE" Angelo d'Acr ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2147  
I genitori di Erika ringraziano.
Ringraziamo di cuore il Presidente della Regione Calabria On. Agazio Loiero e tutto il Consiglio regionale, i capigruppo innanzitutto, per quanto stanno facendo per noi su iniziativa del nostro conc ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2378  
Feraudo: soddisfatto per Erika
Non avevo dubbio alcuno che il Presidente della Giunta On. Agazio Loiero non sarebbe rimasto insensibile di fronte al caso umano della famiglia Minisci di Acri che, per garantire le giuste cure alla ...
Leggi tutto