NEWS Letto 2917  |    Stampa articolo

Comune. Rinegoziati i mutui.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Casse vuote e situazione economica difficile. L'amministrazione comunale, anche grazie alle nuove direttive della cassa depositi e prestiti, ha ritenuto opportuno rinegoziare i mutui contratti. L'argomento prevedeva, però, il passaggio in consiglio comunale.
Alla fine il punto è stato approvato grazie ai voti della maggioranza mentre l'opposizione, IdV e Pd, si è astenuta dopo la relazione dell'assessore al bilancio, Vigliaturo. Il comune ha aderito alla proposta della cassa depositi e prestiti per dilazionare i prestiti contratti in passato e con scadenza nel periodo compreso tra il 2014 ed il 2028 che sono oltre trenta.
Ci sarà, quindi, una diminuzione delle rate annuali con il conseguente allungo del mutuo che garantisce, però, più liquidità nelle casse. Dibattito pacato, quello di ieri mattina, a cui hanno partecipato tutti i consiglieri.
Per Capalbo (Pd), "la traslazione dei mutui non risolve il problema economico dell'ente ma servono altri tipi di entrate", poi ha proposto di utilizzare i fondi risparmiati nel campo delle attività produttive investendo sull'area Pip. Serra, (Udc) parla di "atto dovuto e di una precedente amministrazione fallimentare" mentre Arena e Catanzariti (Udc), sottolineano il clima disteso, ribadiscono l'impegno per le promesse fatte e rivendicano il potere contrattuale con gli organi sovraccomunali. Bonacci (Pd) invita a non strumentalizzare l'argomento "perché i debiti presenti sono pregressi e non certo prodotti solo dalla precedente giunta." E aggiunge; "nessuno rimarca il fatto che con l'avvento di Berlusconi il comune ha perso tre milioni di trasferimenti statali in sedici anni."
E conclude; "fin quando ci saranno più uscite che entrate, nessuno pareggerà i conti." Cilento (Pdl) sottolinea i 10 milioni di debito mentre Minisci (IdV) si dice perplessa riguardo l'allungo dei mutui. Tutti d'accordo, invece, sul rinvio degli altri due punti; di Acrinscena 2010 e della riqualificazione di piazza Beato Angelo se ne parlerà nel prossimo consiglio comunale previsto per fine mese.

PUBBLICATO 17/11/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

OPINONE  |  LETTO 4666  
Quel "certo" era rafforzativo positivo.
Purtroppo non ho avuto il piacere e l’onore di conoscere il sen. Francesco Spezzano. Egli morì nel 1976 quando avevo appena 10 anni e per giunta quando ero arrivato da poco ad Acri.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4521  
Gino Trematerra sbarca a Strasburgo.
Giovedì ventitre dicembre. Non è un giorno qualsiasi per Gino Trermaterra, sindaco della città da aprile scorso. Il Senato è chiamato ad approvare la ratificazione per l'assegnazione del seggio supp ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4413  
Stupore…. ma con auguri di cuore.
Da piccolo invece passavo delle ore a sistemare il fondo con il muschio, trovare il posto migliore per la capanna, lucidare lo specchio per il laghetto, mettere i sassolini e il talco per tracciare ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3640  
L'Fc Calcio Acri campione d’inverno.
Per festeggiare il primo posto ed il Natale, la società silana si regala un neo acquisto. Si tratta di Marcello Provenzano attaccante di razza, ex Rende. Farà compagnia al bomber e capo cannoniere P ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 4854  
All'attenzione del Sig. Roberto Saporito...
In riferimento all’articolo del giornalista Roberto Saporito apparso su Acri in rete il giorno 19.12.10 non ho potuto fare a meno di notare il riferimento ad “un certo Francesco Spezzano senatore ne ...
Leggi tutto