OPINIONE Letto 4914  |    Stampa articolo

All'attenzione del Sig. Roberto Saporito...

Concetta Spezzano
Foto © Acri In Rete
In riferimento all’articolo del giornalista Roberto Saporito apparso su Acri in rete il giorno 19.12.10 non ho potuto fare a meno di notare il riferimento ad “un certo Francesco Spezzano senatore negli anni 50”. La cosa mi ha molto colpita, mi sono infatti chiesta come è possibile che un giornalista come lui che da tanti anni segue le vicende della scena politica locale non conosca una figura storica così importante quale fu quella del Senatore Francesco Spezzano.
Colgo quindi l'occasione per illustrare al giornalista Saporito una piccola biografia della sua vita e della sua attività. Egli nacque ad Acri nel 1903 da nota famiglia calabrese; esercitò la l'avvocatura dal 1926 al 1943. Sin da giovane è stato impegnato nelle battaglie democratiche che si sono svolte nel mezzogiorno, continuando le nobili tradizioni della sua famiglia e dei suoi antenati, alcuni dei quali dal 1799 al 1861 avevano pagato con la vita il loro amore per la libertà e per l'unità d'Italia. Nel 1943 fece parte del Comitato di Liberazione Nazionale della Provincia di Cosenza e fu commissario di quel consorzio agrario. Nell'anno seguente ricoprì la carica di Commissario della Federazione italiana dei Consorzi Agrari che mantenne per oltre due anni. Nel 1948 fu eletto Senatore della Repubblica e vi rimase per ben quattro legislature fino al 1968. Fu altresì eletto Sindaco di Acri nel 1952, 1956, 1960, 1964.
Fu Questore del Senato dal 1958 al 1963. Per anni fu Presidente della Lega dei Comuni Democratici e direttore della rivista “Il Comune democratico”. Collaborò a numerosi giornali e riviste, scrisse diversi libri e svolse una attività parlamentare molto intensa occupandosi in particolar modo dei problemi del Mezzogiorno, dalla mafia alla riforma agraria. L'impegno del Senatore Spezzano per il meridione e per l'agricoltura è testimoniato, oltre che dai suoi numerosi interventi in aula, dagli incarichi affidatigli nei lavori senatoriali. Egli fu membro dell'VIII Commissione, agricoltura e alimentazione, commissario di vigilanza sulla cassa depositi e prestiti e sugli istituti di Previdenza, membro delle commissioni antimafia, per il mezzogiorno e per la riforma dei Consorzi Agrari.
Potrei continuare ancora per molto ma Il Sig. Saporito potrà trarre maggiori informazioni sia dai testi dei lavori parlamentari che dai diversi libri che il Senatore Spezzano ha scritto.
Distinti saluti

PUBBLICATO 22/12/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4708  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3898  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3464  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4149  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4466  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto