NEWS Letto 4634  |    Stampa articolo

Omicidio sposato. Incredulita’ e sconcerto per il fermo di Gino Gencarelli.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
In comune, ieri mattina, nessuno si era accorto che "Gino", così si faceva chiamare Ferdinando Gencarelli, non si era recato. Nella notte tra lunedì e martedì, i carabinieri di Acri, in collaborazione con quelli di Rende, erano andati a prelevarlo nella sua abitazione di via Duglia, alla periferia nord della città. E' fortemente sospettato di aver ucciso Natale Sposato la sera del 26 settembre del 2008 con alcuni colpi di fucile. Diffusa la notizia del suo fermo, al municipio sono prevalsi incredulità e sconcerto. Gencarelli, 50 anni, sposato, con tre figli maschi, è dipendente comunale in servizio presso l'ufficio urbanistico. In comune nessuno vuole credere che quell'uomo, dal fisico esile e dai modi garbati si sia potuto rendere protagonista di un fatto di sangue così grave. "Gino è un uomo perbene, non posso credere che sia lui l'omicida di Sposato", dice G.A., un suo collega. "Qui, in comune, dove lavora da oltre venti anni, Gino non ha mai mostrato segni di inquietudine," afferma un'altra collega che aggiunge; "non è un tipo aperto e socievole ma assolve al suo lavoro, con impegno e precisione."
A Duglia, quartiere poco fuori il centro abitato, dove Gencarelli risiede, lo descrivono come un tipo schivo ma certamente non cattivo. "I problemi di salute di uno dei suoi tre figli lo fanno stare continuamente in apprensione, ma Gino non può essersi macchiato di un delitto", dicono i vicini di casa.
Vita tranquilla, quella di Gencarelli; la mattina al lavoro con la sua Audi nera, poi la passione per la campagna. In località Pietremarine, distante dalla sua abitazione un paio di chilometri Gencarelli possiede un appezzamento di terreno. Proprio a pochi metri dalla casa di Natale Sposato, conosciuto in città come Lupin, perché ladro "gentiluomo e non malvagio."
La città commenta con sconcerto e amarezza la vicenda; da una parte Lupin, che oggi avrebbe avuto 37 anni, celibe e dal carattere particolare ma non certamente un delinquente, dall'altra Gino, 50 anni, uomo per bene e senza precedenti penali. Due vite spezzate per una manciata di noci.

PUBBLICATO 17/11/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

OPINONE  |  LETTO 4666  
Quel "certo" era rafforzativo positivo.
Purtroppo non ho avuto il piacere e l’onore di conoscere il sen. Francesco Spezzano. Egli morì nel 1976 quando avevo appena 10 anni e per giunta quando ero arrivato da poco ad Acri.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4521  
Gino Trematerra sbarca a Strasburgo.
Giovedì ventitre dicembre. Non è un giorno qualsiasi per Gino Trermaterra, sindaco della città da aprile scorso. Il Senato è chiamato ad approvare la ratificazione per l'assegnazione del seggio supp ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4413  
Stupore…. ma con auguri di cuore.
Da piccolo invece passavo delle ore a sistemare il fondo con il muschio, trovare il posto migliore per la capanna, lucidare lo specchio per il laghetto, mettere i sassolini e il talco per tracciare ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3640  
L'Fc Calcio Acri campione d’inverno.
Per festeggiare il primo posto ed il Natale, la società silana si regala un neo acquisto. Si tratta di Marcello Provenzano attaccante di razza, ex Rende. Farà compagnia al bomber e capo cannoniere P ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 4854  
All'attenzione del Sig. Roberto Saporito...
In riferimento all’articolo del giornalista Roberto Saporito apparso su Acri in rete il giorno 19.12.10 non ho potuto fare a meno di notare il riferimento ad “un certo Francesco Spezzano senatore ne ...
Leggi tutto