RELIGIONE Letto 2695  |    Stampa articolo

Un furto prezioso.

sac. Sergio Groccia
Foto © Acri In Rete
C'è un uomo che muore. Muore come tanti, come tutti. Non fa più notizia neppure il modo, la crocifissione. Non è novità per la gente che vi assiste.
Eppure qualcuno vede in quella morte qualcosa di straordinario. Marco parla di un Centurione che vistolo spirare in quel modo, disse: "Veramente quest'uomo era Figlio di Dio!". Luca riferisce di un malfattore crocifisso accanto a Lui.
Fedele alla sua scelta fino alla fine: nato tra gli ultimi, muore tra i delinquenti. Non poteva smentire, nel momento culminante della sua missione, il motivo per il quale era vissuto, quello di essere vicino ai peccatori.
Ed eccolo issato come i malviventi, tra i malfattori, con i peccatori, per dichiarare il suo accompagnamento fino alla fine della sua vita e indicare che c'è speranza fino all'ultimo respiro.
Era stata significativa, ma troppo comoda, la vicinanza alla tavola dei pubblicani, al pozzo con la peccatrice, alla sassaiola che avrebbe colpito l'adultera, ma non Lui. Ora è il momento di dimostrare che è anche benefica la comunanza alla loro sorte e che diventa altrettanto salutare il coraggio di condividerne la fine.
Per recuperarne qualcuno sale su di una croce.
Ed ecco tre croci e tre corpi che agonizzano fisicamente alla stessa maniera. Stessa sorte, stessi rituali di esecuzione, stessi colpi precisi assestati senza il minimo di delicatezza e di rispetto, ne va della professione di carnefice. Stesso dolore!
Eppure c'è qualcosa di diverso e non nel cuore delle madri o dei parenti. Negli stessi crocifissi.
E sarà questo qualcosa che, nonostante gli spasimi dell'agonia, conquisterà il cuore impazzito di un condannato.
Due malfattori e un giusto. Due meritevoli della condanna ed uno innocente. Ci saremmo aspettati due silenziosi ed uno imprecante. Ed invece i colpevoli sono lì a guardare l'innocente, come se fossero due angolature diverse della stessa realtà.
Uno vuole essere salvato da quella morte meritata, ma ugualmente ingloriosa, e chiede un gesto spettacolare, come lo chiede la gente che sfida la bravura, la potenza e la capacità di miracoli che ha Gesù.
E' la disperazione, infarcita di bestemmie, da parte dell'uomo che, vedendosi sfuggire la vita, chiede segni eclatanti per credere.
E Dio supererà infinitamente la richiesta, non schiodando un crocifisso ancora vivo, ma ridando vita a un crocifisso morto.
L'altro vede i segni e si abbandona non solo coraggiosamente nelle braccia della morte, ma fiduciosamente nelle braccia di un condannato come lui.
Delirio della morte o fiducia in ciò che vede? E quali segni avrà mai visto?
Ha visto varcare con dignità e soprattutto con fiducia e abbandono la soglia della morte.
Ma dove sono i segni di un re? Non certo nel cartello sul suo capo e nelle beffe del popolo e dei soldati.
Eppure dove nessuno del popolo, dei capi, dei soldati hanno visto la regalità, un malfattore, inchiodato come lui, non solo alla stessa croce, ma alla stessa morte, vi scorge qualcosa che non è di questo mondo. Come la scorgerà il Centurione.
La morte riporta inesorabilmente al punto di partenza, quando venimmo al mondo e non eravamo niente. Così lei ci spoglia lentamente di tutto quello che abbiamo faticosamente guadagnato.
Toglie i segni del prestigio e della differenza che avevano ricoperto come abiti la nostra persona, accomunandoci senza ritegno. E è fortunato chi trova un letto, altrimenti una strada, un traliccio, le scale di casa, per Lei sono la stessa cosa.
Rimane solo la dignità, quella che non ha bisogno di abiti e di scettri, ma che ci fa re di noi stessi.
Una dignità che non infierisce, ma che perdona nel momento delle sevizie, è il segno più forte di una potenza dall'alto. E un uomo che perdona ha vinto il male e la sua conseguenza, la morte, ed è strappato per sempre da Lei.
"Portami nel tuo Regno, portami da chi ti dà la forza del perdono!" è stata la felice espressione di un infelice morente.
E in quel momento un ladro ruba ancora la perla più bella della sua vita, un Regno che Gesù chiama Paradiso, cioè giardino, felicità, beatitudine, gioia.
Ancora una volta si realizza quello che in vita Gesù aveva detto: un ladro, che vuole salvare la propria vita a tutti i costi, la perde, un malfattore muore rubando il Paradiso
Vangelo: Lc 23,35-43

PUBBLICATO 22/11/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

OPINONE  |  LETTO 4665  
Quel "certo" era rafforzativo positivo.
Purtroppo non ho avuto il piacere e l’onore di conoscere il sen. Francesco Spezzano. Egli morì nel 1976 quando avevo appena 10 anni e per giunta quando ero arrivato da poco ad Acri.
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4519  
Gino Trematerra sbarca a Strasburgo.
Giovedì ventitre dicembre. Non è un giorno qualsiasi per Gino Trermaterra, sindaco della città da aprile scorso. Il Senato è chiamato ad approvare la ratificazione per l'assegnazione del seggio supp ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4410  
Stupore…. ma con auguri di cuore.
Da piccolo invece passavo delle ore a sistemare il fondo con il muschio, trovare il posto migliore per la capanna, lucidare lo specchio per il laghetto, mettere i sassolini e il talco per tracciare ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3638  
L'Fc Calcio Acri campione d’inverno.
Per festeggiare il primo posto ed il Natale, la società silana si regala un neo acquisto. Si tratta di Marcello Provenzano attaccante di razza, ex Rende. Farà compagnia al bomber e capo cannoniere P ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 4854  
All'attenzione del Sig. Roberto Saporito...
In riferimento all’articolo del giornalista Roberto Saporito apparso su Acri in rete il giorno 19.12.10 non ho potuto fare a meno di notare il riferimento ad “un certo Francesco Spezzano senatore ne ...
Leggi tutto