NEWS Letto 2786  |    Stampa articolo

Punto nascita, zero proteste!

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
L'ufficializzazione della prossima chiusura del punto nascita dell'ospedale cittadino, avvenuta con il decreto del commissario alla Sanità Giuseppe Scopelliti lo scorso 17 gennaio, quantomeno fa chiarezza e spazza via gli interrogativi delle scorse settimane.
Dal primo maggio prossimo nessuno potrà più scrivere sulla carta d'identità di essere nato ad Acri perché ad Acri da quella data più nessuno potrà nascere. Le future mamme dovranno raggiungere Cosenza o Rossano, con tutti i rischi che ciò comporta. Quello che fa riflettere è che l'annuncio della chiusura del reparto è scivolato via come l'olio. Nessuna levata di scudi e nessuna voce di protesta. Quasi che si tratti di un destino ineludibile, che nessuno, per nessuno motivo, può cambiare.
Eppure Acri ha alle spalle una storia che certamente non è in linea con questo inedito senso di rassegnazione. Nel secolo scorso, il centro presilano può vantare una storia di battaglie e di conquiste che ne hanno fatto un blasone.
Il sindaco Gino Trematerra nelle scorse settimane ha reiteratamente detto che l'ospedale non avrebbe chiuso e non vi sarebbero stati ridimensionamenti. L'ha pure scritto su un manifesto apparso sui muri della città. Ora dovrebbe spiegare che chiusura del punto nascita non significa ridimensionamento.
Il primo cittadino ha sempre ostentato un contagioso ottimismo che ora fa a pugni con un decreto che non lascia spazio a dubbi di sorta. Il dibattito delle scorse settimane è stato caratterizzato dalla pericolosa commistione di due diversi livelli: punto nascita e futuro dell'ospedale cittadino. Presentare il primo come un necessario prezzo da pagare al secondo potrebbe risultare oltremodo pericoloso, perché togliere il punto nascita significa tornare indietro, significa esporre i parti ai pericoli, e non sono pochi, determinati da tempi di percorrenza delle distanze dilatati, talora incompatibili con le esigenze della salute di mamma e figlio.
Sono considerazioni che non esentano affatto da responsabilità le forze politiche di opposizione. Ora, con il decreto di Scopelliti, è caduta la foglia di fico di un'azione accomodante nei confronti di un sindaco che aveva chiesto tempo e fiducia. Se il centrosinistra non parla e non agisce si rende corresponsabile. E' vero che esistono delle direttive nazionali, che hanno recepito quelle dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo le quali occorre, per una questione di sicurezza clinica, chiudere i punti inferiori alle cinquecento nascite all'anno. E' altresì vero che ci sono esempi di deroghe e che la miopia della contabilità d'ufficio si scontra con situazioni geografiche e orografiche che quei dati non contemplano.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 25-1-2011.

PUBBLICATO 25/01/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4384  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3965  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4166  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4332  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3841  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto