NEWS Letto 2692  |    Stampa articolo

L'ospedale e la crisi dei partiti.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
La possibile chiusura del punto nascita dell’ospedale cittadino ha prepotentemente riportato d’attualità il vuoto che si registra nel dibattito politico.
Se i partiti, sia quelli che sono presenti che quelli che ne sono fuori, non danno vita a un dibattito su una vicenda di così rilevante importanza, c’è da chiedersi di cosa debbano discutere. Al di là di come andrà a finire sul punto nascita, in circa nove  mesi, cioè dalle ultime elezioni Comunali, sono davvero rare le occasioni di confronto su temi di pubblica utilità.
La discussione, si fa per dire, è stata confinata nella sala consiliare in occasione di consigli comunali per lo più convocati perché occorreva necessariamente un pronunciamento delle assise su specifiche questioni. Non è un caso che quando si è deciso di inserire nell’ordine del giorno temi sui quali non era necessario votare, come le manifestazioni estive o i lavori di Piazza Beato Angelo, si sono registrati sistematici aggiornamenti, cioè “rinvii alla prossima”.
Anche le interminabili discussioni su vicende squisitamente amministrative sembrano aver lasciato il posto a interventi fatti solo “per la cronaca”. E’ evidente che questa mancanza di tensione investe soprattutto le opposizioni, che avrebbero tutto da guadagnare da un dibattito puntuale e vivace sulle varie tematiche che investono l’amministrazione cittadina.
Certo, la ridefinizione del ruolo dei partiti e l’incessante metamorfosi di un quadro politico nazionale alla ricerca di un suo definitivo assetto, hanno influito, ma sarebbe riduttivo ascrivere a elementi esterni una crisi della rappresentatività politica che è soprattutto locale.
Il possibile ridimensionamento dell’ospedale cittadino, di cui la chiusura del punto nascita rappresenta un capitolo, in altri tempi avrebbe provocato una reazione straordinaria nelle sedi di partito e in quelle istituzionali, nei bar e nelle piazze. Ora quelle lotte sono solo uno sbiadito ricordo. I partiti tuttavia non sono un’entità astratta, ma sono fatti di donne e di uomini in carne e ossa, cioè da un’adeguata rappresentanza della società civile.
Se è vero che ne sono lo specchio, allora il problema è più profondo e sarebbe opportuno interrogarsi perché il pericolo che un presidio sanitario venga ridimensionato non è più un problema che interessi la gente. E’ come se fosse una vicenda che riguarda altri. E’ di tutta evidenza che questo investe i singoli cittadini, come altre forme di aggregazione, dalle associazioni di volontariato a quelle di categoria, dai sindacati ai comitati.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 30-01-2011

PUBBLICATO 30/01/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4348  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3931  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4135  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4300  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3810  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto