RELIGIONE Letto 3037  |    Stampa articolo

Una fede vissuta nella prassi, non nominata in teoria .

sac. Sergio Groccia
Foto © Acri In Rete
Tutte le persone che si riferiscono ad una fede religiosa rischiano continuamente di essere incoerenti fra l'ispirazione, le dichiarazioni, i momenti delle celebrazioni e l'attuazione fedele e coerente nella vita, nelle scelte, nelle relazioni.
Questo vale anche per il cristianesimo e la sua storia, per la Chiesa dall'inizio della sua presenza ad oggi: ombre e luci; infedeltà e smentite clamorose; esemplarità luminose di coerenza fino a dare la vita, come i martiri. Dall'abbraccio mortale con l'imperatore Costantino fino ad oggi, il peccato grave della Chiesa è il rapporto di reciprocità e di sostegno con i poteri di questo mondo: politico, economico, militare, con la perdita della ragione stessa del suo essere segno del Regno di Dio, cioè della passione per Dio e per l'umanità; di diventare cioè istituzione fra le istituzioni, potere fra i poteri, quindi non più Chiesa del Vangelo.
Viviamo avvolti da un'intensa complessità; siamo coinvolti in processi di cambiamento profondi e accelerati con questioni etiche come mai prima d'ora: dall'inizio al fine vita, dall'ambiente attorno a noi di cui siamo parte, al potere dei mezzi d'informazione.
In questa situazione storica pare che con frequenza si faccia diventare la fede una contro-cultura e la Chiesa una contro-società; che si diffondano un conservatorismo religioso e una generale passività di coloro che si dichiarano cristiani, cattolici praticanti, anche se indubbiamente ci sono minoranze diffuse e anche rilevanti di cristiani impegnati nelle comunità, nei gruppi, nelle storie di fatica e di marginalità, in progetti educativi e di cooperazione significativi. L'atteggiamento maggioritario però è quello della sottomissione, della docilità, del silenzio, senza traccia di profezia nell'annuncio, nella denuncia, nella proposta, nel coinvolgimento, nella testimonianza. E questo permette di sentirsi appartenenti al mondo cattolico e anche di dichiararlo invocandone retoricamente le radici, l'identità, i valori, per poi subito smentirli vergognosamente dimostrandosi nelle parole, nei gesti, nelle decisioni, razzisti, sostenitori della guerra; tolleranti nei confronti di chi esibisce le idolatrie del potere e del denaro, l'uso strumentale e spudorato dei corpi delle donne come merce che si compra e si paga bene. Di recente, 143 teologi cattolici di università tedesche, austriache e svizzere hanno sottoscritto un documento sulla necessità e urgenza di profondi cambiamenti nella Chiesa; "autocritica, accoglienza d'impulsi critici, svolta" sono i termini più ricorrenti, che riguardano le grandi questioni dell'umanità e quindi, anche della Chiesa.
In questo contesto di riflessione, entra il fascio di luce del Vangelo Matteo 7,21-27: "Non tutti quelli che dicono: Signore , Signore!- entreranno nel Regno di Dio. Vi entreranno soltanto quelli che fanno la volontà del Padre mio che è in cielo. Quando verrà il giorno del giudizio, molti mi diranno:-Signore, Signore! Tu sai che noi abbiamo parlato a tuo nome..-. Ma allora io vi dirò:- Non vi ho mai conosciuti. Andate via da me, gente malvagia!".
Cosa significa quindi riferirsi retoricamente a ispirazioni, radici, valori non negoziabili, famiglia, quando poi si giustificano potere, denaro, armi, guerre, razzismo, distruzione dell'ambiente? Come pensare e agire per cambiare? E' doverosa e urgente una profonda conversione, ritornare a Gesù di Nazaret, alla sua passione per Dio e per l'umanità, con attenzione preferenziale ai piccoli, ai poveri, agli indifesi, ai dimenticati.
Non si tratta quindi principalmente di riforme liturgiche, di innovazioni pastorali, ma prima e soprattutto di tornare alle radici, all'essenziale, a come Gesù è vissuto, al messaggio coinvolgente che ci ha trasmesso per poter guardare alla vita, alle persone e al mondo con la compassione con cui li ha guardati Lui; e questo riferimento va vissuto con scelte coraggiose di fedeltà e coerenza nella giustizia e nella condivisione, nell'accoglienza e nella solidarietà; nella nonviolenza attiva e nella costruzione della pace; nella difesa dell'ambiente e dell'acqua come bene comune. E' preferibile non dirsi cristiani, ma vivere da cristiani, cioè seguire Gesù di Nazaret.

PUBBLICATO 13/03/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4191  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3784  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3990  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4139  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3645  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto