NEWS Letto 2566  |    Stampa articolo

Punto nascita. Interrogativi e contraddizioni

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Quella appena terminata è stata la settimana della riflessioni e delle critiche. La disattivazione del punto nascita è stata al centro di aspre polemiche nei confronti della giunta comunale e regionale da parte del centro sinistra. Sel, IdV e Pd insieme per sottolineare lo scarso potere contrattuale del sindaco Trematerra colpevole, secondo le forze di centro sinistra, di non aver saputo impedire la chiusura di ostetricia. Da qui una serie di pesanti accuse alle quali il primo cittadino ha preferito non replicare.
Ma restano anche altri interrogativi ed emergono palesi contraddizioni. Vediamo. IdV critica l'atteggiamento dell'opposizione per il silenzio mostrato nella vicenda. Fin qui nulla di strano, è il compito della minoranza stimolare e giudicare. Il problema è, però, che tra i banchi dell'opposizione siede Cristina Minisci, unico rappresentante IdV in consiglio. IdV, quindi, critica anche se stessa o i dipietristi sulla vicenda ospedale sono spaccati? La segreteria locale sceglie toni duri, l'esponente istituzionale preferisce la via del dialogo. Questioni prettamente tecniche, ora. Stato e regione hanno deciso che i reparti di ostetricia al di sotto dei cinquecento parti devono essere chiusi perché non garantiscono la sicurezza di partorienti e nascituri. Evidentemente il reparto del Beato Angelo fa eccezione. Non si spiega, altrimenti, il perché il reparto è ancora in funzione. Scopelliti, in qualità di commissario alla sanità, ha deciso che il reparto potrà continua ad essere operativo ma solo per le urgenze mentre i parti normali dovranno essere effettuati altrove. Ma allora è sicuro oppure no? Proprio sabato scorso, in un reparto completamente vuoto, è venuta alla luce una bimba di nome Alessia.
La mamma, una donna di origine polacche ma sposata con un acrese, è giunta in ospedale perché pronta per un imminente parto naturale. L'equipe, formata da ginecologi, ostetrica, infermieri e puericultrici, ha garantito tutta la dovuta assistenza.
Chissà cosa sarebbe successo se il reparto fosse stato chiuso e senza, ancora, i mezzi adeguati a disposizione per il trasporto della donna.

PUBBLICATO 10/05/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4384  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3965  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4166  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4332  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3841  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto