RELIGIONE Letto 2557  |    Stampa articolo

Pastori credibili, non funzionari.

sac. Sergio Groccia
Foto © Acri In Rete
Nella nostra esperienza umana, culturale, professionale, spirituale ciascuno e ciascuna di noi considera alcune persone maestre di vita: possono essere i genitori, un altro familiare; un insegnante, un prete, un vescovo, un papa; un amico o un'amica; persone impegnate nelle istituzioni e nella politica, nella magistratura, nelle forze dell'ordine; appartenenti al mondo del giornalismo, anche a quello dello sport. Insieme alle persone singole si può far riferimento a un gruppo, ad un'esperienza, ad una comunità. Se ci chiediamo nel profondo il perché di quei riferimenti, la risposta indica gli insegnamenti riguardo alle dimensioni importanti, decisive della vita; la disponibilità, la presenza, l'ascolto, l'incoraggiamento ed il sostegno nei momenti di difficoltà e di oscurità. E se ci chiediamo ancora le motivazioni profonde di quei riferimenti, siamo portati ad indicare l'idealità, le parole e soprattutto la coerenza della loro attuazione nella vita. Sentiamo maestre di vita le persone autentiche, senza esaltazioni, senza dipendenze, considerando anche limiti e fatiche.
Nella densa complessità attuale, in tante tragedie che colpiscono vari luoghi e popoli del Pianeta; nella situazione di povertà culturale ed etica e di crisi della politica del nostro Paese, anche con aspetti di inaffidabilità e di corruzione; in una situazione in cui la Chiesa non esprime in parole e fedeltà la profezia che dovrebbe caratterizzarla, più di qualche volta si avverte la mancanza di persone di riferimento. In realtà, sono numerose qui fra noi e in tanti luoghi del Pianeta, ma piuttosto defilate, quasi offuscate dal grigiore e dalla superficialità, dal conformismo e dall'inerzia.
Il Vangelo di Giovanni 10,1-21, ci propone Gesù come guida pienamente credibile, mediante la parabola del pastore e del suo rapporto con il gregge; con riferimenti anche al recinto per le pecore, alla porta e alle modalità di accesso, perché anch'essi indicano un modo di essere e porsi, di agire. Le qualità del pastore buono sono la conoscenza delle pecore derivata dalla condivisione profonda della loro vita; il prendere a cuore la loro condizione, il prendersene cura; guidarle in pascoli erbosi, a ruscelli di acqua limpida; l'essere disponibile a dare per loro la sua stessa vita, in modo libero, cosciente.
Per accentuare ancora le qualità del pastore buono, la parabola accosta a Gesù l'immagine della porta attraversata con la serenità di chi si sente a casa, a differenza di chi pretende di entrare comunque nel recinto del gregge arrampicandosi, forzando, rompendo. Questo è proprio di chi è estraneo, peggio, di chi è ladro usurpatore.
L'immagine del tutto contraria al pastore buono è quella del mercenario, la cui presenza è motivata solo dalla sua funzione retribuita: non prende a cuore la vita delle pecore, anzi se ne disinteressa; alla prima percezione di pericolo, scappa. Queste parole di Gesù ancora una volta dividono la folla. Molti dicono: "E' pazzo, non ragiona…". Sembra anche oggi una pazzia la partecipazione, la condivisione profonda delle storie e delle situazioni per poter attribuire significato e credibilità alle parole, alle indicazioni, ai suggerimenti. Più facile, ma illusorio dire dal di fuori, in modo staccato, impersonale, non coinvolto. Questa "pazzia" dell'aprirsi, del donarsi, di condividere in profondità riguarda i genitori e gli insegnanti in particolare, ma anche ciascuna e ciascuno di noi, che nell'ambito del proprio impegno professionale e di volontariato, possiamo esprimere segni credibili per noi e per gli altri.
Per quanto riguarda la Chiesa, la credibilità dei pastori è data dalla fedeltà al Vangelo che annunciano, dalla coerenza nel testimoniarlo nella storia. I funzionari della religione staccati dalla vita, dalle storie delle persone non sono pastori, anche se ne coprono il ruolo; essere pastori non deriva dall'autorità che risiederebbe in una funzione, ma dall'autorevolezza che esprimono la coerenza e la forza dei segni. Tanti sono i funzionari della religione; lo Spirito del Signore per sua bontà non ha mai fatto mancare i pastori autentici, i profeti, i martiri.

PUBBLICATO 16/05/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

SPORT  |  LETTO 4097  
Fc Acri - Nissa: 1 - 0
I rossoneri ritornano sul podio più alto ma per riconquistarlo non è stato affatto facile. Quanta fatica per battere la Nissa, formazione che chiude la classifica. Ciò vuol dire che questo girone è ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3546  
Nasce il comitato cittadino “Là Mucone Rinasce”
Si è costituito in questi giorni il comitato cittadino “ La Mucone rinasce” , il comitato nasce dalla voglia di un gruppo di cittadini (oltre 30) di promuovere una aperta e libera discussione sulle ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2984  
Il sindaco Trematerra sul premio Padula
A nome della giunta, dell'amministrazione comunale e della città, esprimo soddisfazione per i contenuti, per gli ospiti e per l'ottimo lavoro sinergico portato avanti dal comune e dalla Fondazione P ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3890  
I 24 autisti del servizio scuolabus occupano la stanza di Trematerra
Sono stati momenti concitati quelli vissuti ieri mattina a Palazzo Gencarelli, sede del municipio. I 24 dipendenti dell’Acri Trasport, ditta che dal 2003 per conto del comune gestisce il servizio di ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2666  
L’Amministrazione è attenta e disponibile ai lavoratori Acri Transport
In merito a quanto accaduto, riguardo i lavoratori dell’Acri Transport, l’Amministrazione comunale ci tiene a precisare che l’attenzione al problema è alta ed è stata sempre costantemente in cima al ...
Leggi tutto