NEWS Letto 3326  |    Stampa articolo

Amianto all’ufficio postale. Proteste e malori.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Proteste, disagi, polemiche ed anche malori. Tutto questo si è vissuto ieri all'esterno dell'ufficio postale centrale di via De Vincenti. La struttura, sita all'ingresso della città, è la più grande delle cinque presenti sul territorio. Avrebbe dovuto riaprire al pubblico proprio ieri, martedì, dopo tre giorni di lavori di ristrutturazione. Ed, invece, le saracinesche dell'ufficio sono rimasta abbassate. Il personale, impiegati e porta lettere, si è rifiutato di entrare, sicchè gli sportelli sono rimasti chiusi tra lo stupore e le proteste degli utenti costretti a rivolgersi agli uffici delle zone limitrofe o a quelli privati. Insomma una giornataccia per pensionati e, soprattutto, docenti, impegnati a spedire le raccomandate contenenti i modelli per l'aggiornamento delle graduatorie permanenti in scadenza il primo di giugno. Gli interventi di ammodernamento dell'ufficio, riguardano l'interno e la realizzazione di alcuni locali. Sebbene non terminati del tutto, l'ufficio, ieri, ha riaperto ugualmente ma il personale si è trovato di fronte una situazione incresciosa e preoccupante. Nel piazzale retrostante gli operai avevano provveduto ad accumulare anche pannelli di amianto. All'interno, invece, una grande quantità di polvere di dubbia natura imperava su sedie e scrivanie. Da qui la decisione degli impiegati di incrociare le braccia. Intanto la preoccupazione, e con essa la tensione, sale quando tre impiegati avvertono un senso di forte prurito e di soffocamento al punto di rivolgersi alle cure dei medici del locale ospedale. Gli sportelli restano chiusi, mentre il direttore delle filiale, provvede ad informare gli enti preposti attraverso telefonate, fax ed e-mail. La situazione, però, non cambia. L'Asl non interviene, il materiale resta al suo posto e all'interno l'aria è irrespirabile. L'ufficio resta chiuso anche nel pomeriggio. Oggi ci si augura che la vicenda possa trovare una soluzione positiva considerato anche che sono in pagamento le pensioni Inps.
Dopo le proteste da parte dei dipendenti, dovute alla presenza di pannelli di amianto, l'ufficio postale centrale, ha riaperto ieri mattina. Sulla vicenda il sindaco Trematerra ha inteso rilasciare una sua riflessione; "nell'esprimere solidarietà ai lavoratori, invito e diffido il direttore provinciale affinché siano attuati tutti quegli interventi necessari per la messa in sicurezza dei locali. L'amianto, presente nei locali, non può essere sottovalutato e fa meraviglia che da tanti anni le Poste non abbiano provveduto al suo smaltimento. L'Ufficio Postale di Acri Centro svolge un ruolo importante per la cittadinanza e una sua, anche se momentanea, chiusura provoca proteste e forti disagi alla popolazione. La salute dei lavoratori và salvaguardata e bisogna tempestivamente intervenire affinché non rimangano dubbi sulla sobrietà e purezza dell'aria che all'interno dei locali respirano sia i lavoratori che le centinaia di persone che giornalmente vi si recano. Si resta in attesa di un sollecito e positivo riscontro prima di intraprendere azioni conseguenti al ruolo di responsabile della sanità sul territorio che compete al sindaco."

PUBBLICATO 01/06/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

SPORT  |  LETTO 4098  
Fc Acri - Nissa: 1 - 0
I rossoneri ritornano sul podio più alto ma per riconquistarlo non è stato affatto facile. Quanta fatica per battere la Nissa, formazione che chiude la classifica. Ciò vuol dire che questo girone è ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3547  
Nasce il comitato cittadino “Là Mucone Rinasce”
Si è costituito in questi giorni il comitato cittadino “ La Mucone rinasce” , il comitato nasce dalla voglia di un gruppo di cittadini (oltre 30) di promuovere una aperta e libera discussione sulle ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2985  
Il sindaco Trematerra sul premio Padula
A nome della giunta, dell'amministrazione comunale e della città, esprimo soddisfazione per i contenuti, per gli ospiti e per l'ottimo lavoro sinergico portato avanti dal comune e dalla Fondazione P ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3891  
I 24 autisti del servizio scuolabus occupano la stanza di Trematerra
Sono stati momenti concitati quelli vissuti ieri mattina a Palazzo Gencarelli, sede del municipio. I 24 dipendenti dell’Acri Trasport, ditta che dal 2003 per conto del comune gestisce il servizio di ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 2668  
L’Amministrazione è attenta e disponibile ai lavoratori Acri Transport
In merito a quanto accaduto, riguardo i lavoratori dell’Acri Transport, l’Amministrazione comunale ci tiene a precisare che l’attenzione al problema è alta ed è stata sempre costantemente in cima al ...
Leggi tutto