POLITICA Letto 2484  |    Stampa articolo

Bilancio di previsione ok. Nessun aumento ma quattro fasce per il servizio mensa.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Nessun aumento dei tributi, lotta alla evasione, lievi ritocchi ad alcuni servizi comunali, intercettare i fondi regionali e Por attraverso progetti seri e credibili. Sono gli aspetti più rilevanti del bilancio di previsione giunto in aula consiliare per la discussione e l'approvazione. Alla fine l'importante strumento finanziario ha avuto il via libera da Udc, Pdl e Psi. Contrari Pd e IdV.
L'assessore al bilancio, Vigliaturo, dapprima ha sottolineato il momento difficile e la diminuzione dei trasferimenti statali pari a circa settecentomila euro, poi ha annunciato le azioni che ha in programma l'amministrazione comunale. Con soddisfazione, Vigliaturo, ha anche rimarcato il fatto che il comune ha garantito il patto di stabilità e gli equilibri di bilancio e che non saranno aumentate le tariffe Tarsu, servizio idrico e fognario e Ici. Novità, invece, sul servizio mensa scolastico che dal prossimo anno sarà regolato da quattro fasce in base al reddito Isee. Il costo maggiore del ticket, comunque, non supererà i due euro e mezzo.
All'assessore Cerlino è toccato il compito di illustrare il programma delle opere pubbliche e degli investimenti. Bonifica delle frane di Serricella e di Chimento, realizzazione di alcune piazze, adeguamento degli edifici pubblici, delle scuole e delle reti fognarie e dei depuratori, sono tra gli obiettivi della giunta Trematerra. Importanti misure previste anche nel campo dei servizi sociali. L'opposizione è fortemente critica. Per Minisci (IdV) e Bonacci (Pd) si tratta "solo di ordinaria amministrazione e di pochi risultati positivi ottenuti in tredici mesi di governo."
Ma Bonacci incalza; "potrebbero esserci forti rischi per le casse comunali" mentre l'esponente IdV propone; "trasferiamo il nostro gettone di presenza e quelle delle commissioni, nel capitolo della cultura."
Ad inizio di seduta sono stati approvati all'unanimità due ordini del giorno presentati dal sindaco Trematerra, contro il trasferimento dei ministeri al nord e da Pino Capalbo (Pd), sul reddito minimo garantito per i disoccupati.

PUBBLICATO 29/06/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4384  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3965  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4166  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4332  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3841  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto