NEWS Letto 2592  |    Stampa articolo

Confronto su gli Enti montani.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Si è tenuta martedì scorso, nella sede della comunità montana “Destra Crati – Sila Greca”, in piazza “Principessa di Piemonte”, una riflessione a più voci sul futuro di questi enti. L'hanno promossa i gruppi consiliari regionali del Partito Democratico e di Italia dei Valori.
Sul mantenimento in vita di questi enti, i cui trasferimenti statali sono stati cancellati e che gravano sui fondi regionali, è in corso una discussione che, a vai livelli e in diversi momenti, sta impegnando la classe politica regionale All’iniziativa di martedì scorso ha preso parte anche l'assessore regionale all'Agricoltura, Michele Trematerra. L'esponente dell'esecutivo guidato dal presidente Giuseppe Scopelliti ha ribadito le linee guida che presiedono la proposta di legge presentata dalla giunta. In sostanza, le comunità montane sono destinate a chiudere e confluire in un nuovo contesto, una sorta di agenzia regionale; quindi non più enti locali, ma una presenza distrettuale, della quale dovrebbero far parte anche Arssa e Afor. Trematerra ha anche aggiunto che, in ogni caso, è in corso una discussione nella quale non possono non essere ascoltate tutte le voci interessate. L’incontro l’ha introdotto il presidente della comunità montana “Destra Crati - Sila Greca”, Gennaro Nicoletti. La sua idea è quella di far rimanere questi enti locali, “per uno sviluppo armonico delle zone più disagiate”.
E' ovvio “che non possono rimanere così come sono”, ma “bisogna attribuire loro le giuste funzioni e competenze”. Anche sui costi della politica, secondo Nicoletti, si potrebbe incidere con un impatto zero, basterebbe attribuire a rotazione la presidenza a ciascuno dei sindaci dei Comuni che fanno parte dell'ente e che percepisconogià l'indennità della loro carica. L'idea dell'agenzia regionale non convincepiù di tanto il presidente della “Destra Crati – Sila Greca”, «anche per un fatto di democrazia: gli amministratori delle comunità montane sono eletti, quelli di un'eventuale agenzia sarebbero nominati».
Favorevoli a una soluzione che permetta il mantenimento in vita degli enti montani anche i consiglieri regionali MarioFranchino, del Partito Democratico, e Mimmo Talarico, di Italia dei Valori, che sono intervenuti al confronto. Pure costoro hanno comunque rimarcato la necessità di una ristrutturazione delle comunità montane che permetta loro di poter espletare il ruolo di sviluppo di realtà in stato di disagio. Talarico ha anche proposto di alzare l'altimetria per far si che un Comune rientri nel contesto e non si verifichino situazioni oggettivamente incompatibili. L’incertezza che regna attualmente pesa anche sui dipendenti, che hannodifficoltà anche a ritirare mensilmente lo stipendio.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 11-07-2011.

PUBBLICATO 15/07/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4295  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3887  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4086  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4243  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3754  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto