NEWS Letto 4474  |    Stampa articolo

Acri, paziente denuncia l’ospedale Beato Angelo.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
S. M., un uomo di 53 anni, di Acri, lunedì scorso si è recato presso alla stazione dei carabinieri e ha sporto denuncia contro il presidio ospedaliero “Beato Angelo”, in particolare nei confronti del personale medico in servizio nella serata di domenica 24 luglio. L'accusa è “omissione di soccorso e omissione in atti d'ufficio”. Secondo S.M., i sanitari in quella circostanza avrebbero adottato nei suoi confronti “atteggiamenti ostili”. L'uomo, nello scorso mese di giugno, aveva subito un intervento, in una clinica di Rocca di Neto, in seguito a “ipertrofia prostatica”. “Purtroppo – ha dichiarato S.M. ai Carabinieri – successivamente a tale intervento le mie condizioni di salute non miglioravano più di tanto, al punto che ho dovuto ricorrere inpiù occasioni al ProntoSoccorso, sia dell'ospedale civile di Cosenza che a quello di Acri”.
In quest'ultimo, S.M. si reca anche la mattina del 20 luglio, in cui viene refertato un “livello d'urgenza giallo”.“Decidevo poi – afferma S.M. nella denuncia – di recarmi presso la clinica di Rocca di Neto, ove mi ricoveravo la stessa mattina”. Qui fu trattenuto fino al 23 luglio. “Sotto controllo – ha ancora dichiarato l'uomo -, visto che lemiecondizioni di salute lo permettevano, dietro consenso del primario, venivo dimesso per passare il fine settimana a casa. Però, proprio la sera del 24 luglio, intorno alle21,30, incominciavoadaccusare forticoliche e blocco renale, tanto da dover ricorrere al Pronto Soccorso” dell'ospedale di Acri.
Qui il protagonista di questa vicenda riferisce di aver udito, da parte di uno dei sanitari di turno, frasi offensive e ostili nei suoi confronti. Quando, in seguito ai forti dolori, l'uomo ha chiesto di essere ricoverato, “mi è stato risposto che non c'erano posti disponibili in quell'ospedale”.“A quel punto – è ancora scritto nella denuncia – decisi di ritornare urgentemente quella stessa notte presso la clinica di Rocca di Neto, ove giungevo, accompagnato dai miei familiari e con la mia stessa auto, in piena notte.“
Ad Acri, “alla mia richiesta di avere copia del verbale del Pronto Soccorso, per farlo visionare ai medici di Rocca di Neto, mi è stato risposto che non ero stato registrato, altrimenti avrei dovuto pagare 47 euro di ticket”.
Alla clinica “venivo invece ricoverato, continuando, di fatto, ilricoverogiàaperto in data 20 luglio”. Il 26 S.M. veniva sottoposto a un nuovo intervento chirurgico, per essere poi dimesso due giorni dopo. L'uomo ha quindi presentato denuncia “contro il presidio ospedaliero “Beato Angelo”, in particolare nei confronti di tutto il personale medico in servizio che ha avuto a che fare con me relativamente ai fatti accaduti nella sera del 24 luglio scorso”. S.M. è difeso dall'avvocato Angelo Altomari, che ha già provveduto a richiedere il sequestro del materiale cartaceo.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 03-087-2011.

PUBBLICATO 04/08/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4326  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3916  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4116  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4275  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3788  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto