POLITICA Letto 2781  |    Stampa articolo

Lavoratori senza stipendio

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Da lunedì scorso i lavoratori della Acritrasport sono in assemblea permanente, con sit-in nel piazzale antistante il Municipio, e protestano per la mancata corresponsione delle ultime dieci mensilità.
Si tratta di 24 lavoratori impegnati nel trasporto e nell'assistenza a disabili e nel trasporto, su tutto il territorio comunale, dei bambini che frequentano le scuole materna ed elementare.
L'Acritrasport dal 2003 svolge questo servizio per conto del Comune. Allora infatti l'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Nicola Tenuta, decise di esternalizzare il servizio trasporto di alunni e disabili e si rivolse direttamente alla Acristrasport.
Per l'organico dei lavoratori si attinse al bacino dei Lavoratori Socialmente Utili e ai Lavoratori di Pubblica Utilità, i cosiddetti Lsu-Lpu. Gran parte di loro vennero stabilizzati in questa nuova avventura, gli altri furono invece assunti direttamente.
Svolgono le mansioni di autisti e accompagnatori. Durante l'estate, quando le scuole sono chiuse, sempre per conto del Comune, fanno anche la lettura dei contatori dell'acqua.
A costoro devono essere corrisposti gli stipendi dei mesi che vanno dal dicembre 2010 ad agosto 2011, più la quattordicesima. Devono essere pagati dalla Acritrasport, che a sua volta deve ricevere i soldi dal Comune. Quest'ultimo, tra luglio e agosto, ha emesso due mandati di pagamento e altri ne farà a breve, ma è comunque indietro con il dovuto. Il punto è che di questi mandati i lavoratori non hanno visto il becco di un quattrino e nell'immediato il sentimento prevalente è il pessimismo più nero.
La comunicazione dell'inizio della protesta è stata ufficialmente fatta dalla Filt-Cgil, con una lettera inviata al Prefetto di Cosenza, alla Acritrasport e al sindaco di Acri.
Il sindacato, "nel denunciare la mancata erogazione da parte della ditta Acritrasport, delle mensilità da dicembre 2010 in poi", comunica che "i lavoratori si sono autoconvocati in assemblea permanente, interrompendo pertanto tutte le attività lavorative.
Tale situazione
- scrive ancora la Federazione Italiana Lavoratori Trasporti - non è più sostenibile, in quanto il salario rappresenta per i lavoratori l'unica fonte di reddito e di sostentamento delle proprie famiglie. Le loro condizioni economiche e delle loro famiglie sono al limite della sopravvivenza, con le conseguenti ripercussioni di carattere psico - fisico che derivano da tale drammatica vicenda. Pertanto - conclude la Filt Cgil - si chiede a S.E. Prefetto di Cosenza e al sindaco del Comune di Acri un immediato e autorevole intervento, al fine di evitare che la disperazione dei lavoratori possa determinare azioni, anche personali, non controllabili".


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 01-09-2011.

PUBBLICATO 02/09/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4384  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3965  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4166  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4332  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3841  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto