SPORT Letto 2902  |    Stampa articolo

Storica vittoria dell'Acri sul Cosenza

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
E' una vittoria storica che rimarrà negli annali dei colori rossoneri. Il lupo silano sbrana quello bruzio e lo acciuffa in classifica. A festeggiare non sono solo tecnico e giocatori ma anche la società ed il cassiere in particolare. Per la sfida inedita, (Acri e Cosenza non si erano mai affrontate in campionato), il sodalizio del presidente Scaramuzzo, aveva indetto la giornata rossonera. Tribuna ovest praticamente colma, di fronte poco meno di mille sostenitori di fede rosso blu. In totale circa tremila spettatori anche di centri limitrofi. Lo spiegamento delle forze dell'ordine (carabinieri, polizia, guardia di finanza, associazioni di volontariato) è imponente ma alla fine risulterà inutile. Tifoserie gemellate e corrette ed alla fine applausi reciproci. Lezione di civiltà sugli spalti, bene così. In tribuna anche il primo cittadino Trematerra che, prima della gara, regala un cofanetto di libri sulla storia di Acri ad alcuni esponenti del comune di Cosenza. Poi la partita, intensa e sentita ma senza particolari falli. Patania punta sul 4-4-2 con Tedesco e Mosciaro in avanti e Romano dietro in qualità di regista. Ferraro perde in extremis Sergi per mal di stomaco e schiera Visciglia sebbene a corto di preparazione ma che poi risulterà uno dei migliori. I primi venti minuti sono sofferenti per i locali che sembrano timidi e attendisti. Il Cosenza fa la partita ma non ne approfitta.
La formazione di Patania ha grosse individualità, i rossoneri si difendono con ordine. Al 5' Mosciaro su punizione impegna Di Iuri che si allunga sulla sua sinistra e mette in angolo. Gli ospiti ogni volta che si affacciano nell'area rossonera fanno paura, l'Acri preferisce attendere e ripartire. Al 20' Berlingeri riceve palla si accentra e fa partire un bel diagonale che finisce di poco a lato. Al 25' la difesa cosentina respinge malamente, Perrelli vede Deffo sull'out sinistro, il camerunense entra in area ma viene scalciato da Scigliano. Rigore trasformato da Galagol che spiazza Franza ma non esulta. L'Acri acquista coraggio e si sblocca, per il Cosenza si fa dura. Tedesco non è al top, Romano e Fiore macinano gioco, Mosciaro ha poche palle giocabili. Al 35' Provenzano raccoglie una ribattuta e da dentro l'area spara a botte sicura. Di Iuri c'è. Poco dopo Bilotta esce dall'area per fermare un'incursione di Fiore. Entrata e piedi uniti e ammonizione. La seconda per il bravo centrale difensivo. Ferraro sposta Perrelli in difesa e arretra Visciglia a centrocampo. Mossa vincente. L'Acri perde molto in offensiva anche se Galantucci da solo tiene in ansia Ciano e Parisi. Ci si aspetta un secondo tempo con il Cosenza all'arrembaggio ma di fronte c'è una difesa acrese che tiene bene. Al 2' Mosciaro manda di poco alto una punizione dal limite, al 6' Fiore raccoglie una parata di Di Iuri e ribatte in rete ma la sua posizione è irregolare, all'8' scambio veloce Domanico-Galantucci-Domanico con quest'ultimo che tira a lato. In dieci l'Acri mette in difficoltà il favorito Cosenza che va in tilt nelle ripartenze dei locali. Al 22' Visciglia ci prova direttamente dalla bandierina ma Franza è bravo, al 40' occasionissima per Romano che sotto porta manda alto. Saltano gli schemi e le squadre si allungano, il Cosenza prova ad aggirare la difesa con il neo entrato Douglas che mette velocità e crea qualche ottima iniziativa. Spinti da tifosi encomiabili, i rossoblu, però, non finalizzano neanche nei 6' minuti di recupero concessi da un insufficiente Lacagnina. Il suo triplice fischio è accolto da un grande boato, identico a quello del dieci aprile scorso. Poi, rossoneri e rossoblu, a ricevere gli applausi delle rispettive tifoserie.

PUBBLICATO 26/09/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4354  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3937  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4141  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4308  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3816  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto