NEWS Letto 3025  |    Stampa articolo

Acritrasport, al via la protesta

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Da ieri i dipendenti della Acritrasport hanno incrociato le braccia e sono in assemblea permanente. Rivendicano il pagamento di ben undici mensilit Il Comune deve all'azienda qualcosa come oltre 700 mila euro, nonostante il recente mandato di pagamento di 50 mila euro. I 23 lavoratori in questione garantiscono il trasporto sul territorio comunale dei bambini che frequentano le scuole materna ed elementare e il trasporto e l'assistenza ai disabili. Da ieri i servizi sono bloccati, come gli stessi lavoratori hanno comunicato, in una lettera aperta ai genitori e a tutti i cittadini.
«Noi lavoratori della Acritrasport – scrivono – da oggi siamo costretti, nostro malgrado, a non poter garantire più il regolare servizio di trasporto scolastico e dei disabili, in quanto sono ben undici mesi che non riceviamo più il salario. Fino a oggi – prosegue la lettera – con enormi sacrifici personali e delle nostre famiglie e con grande senso di responsabilità per il delicato servizio reso alla collettività di Acri, abbiamo comunque garantito il trasporto scolastico e dei disabili, ma da oggi, proprio in considerazione della drammatica situazione attraversata da ognuno di noi, non siamo più nelle condizioni di poter provvedere nemmeno alle primarie necessità delle nostre famiglie e ci vediamo quindi costretti a dover bloccare l'attività anche perchè non abbiamo più neanche i soldi per poter raggiungere il posto di lavoro. La delicatezza del servizio da noi reso – scrivono ancora i dipendenti della Acritrasportimpone tranquillite serenità e quindi è facilmente comprensibile come in queste condizioni non sia più possibile espletare il nostro compito con la serenità necessaria, in quanto ognuno di noi è assillato da scadenze obbligatorie, come esposizioni bancarie, bollette in scadenza e quant'altro, oltre al sostentamento quotidiano della propria famiglia, che ci pone in una condizione di drammaticità assoluta».
Per questo, «chiediamo alla cittadinanza tutti di comprendere le nostre ragioni e di voler sostenere la nostra battaglia, che rappresenta per noi e le nostre famiglie il diritto elementare alla sopravvivenza».

Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 10-11-2011.

PUBBLICATO 10/11/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4003  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3608  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3806  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3961  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3446  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto