POLITICA Letto 3310  |    Stampa articolo

Ospedale, chiesto un Consiglio

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Le opposizioni consiliari di centrosinistra ci riprovano e chiedono una nuova convocazione del consiglio comunale, a seduta aperta, sul futuro dell'ospedale. In passato, una riunione in tal senso era stata convocata, sempre su sollecitazione delle opposizioni, ma era saltata per l'assenza, comunicata pochi minuti prima, del presidente della giunta regionale, nonchè commissario ad acta per il Piano di rientro dal debito sanitario, Giuseppe Scopelliti. La nuova richiesta è stata depositata al Comune martedì scorso ed è firmata da tutti i consiglieri di minoranza.
«Premesso - scrivono i consiglieri firmatari - che il decreto n.106, del 20 ottobre 2011, a firma del presidente Scopelliti, ha previsto il ridimensionamento del presidio ospedaliero “Beato Angelo” di Acri, in ospedale montano; che, a seguito del suddetto decreto, il presidio ospedaliero “Beato Angelo” di Acri passerà a venti posti letto per medicina Generale e altri sedici posti letto multidisciplinari; che di fatto, contestualmente alla soppressione dei reparti di Chirurgia, Psichiatria, Ginecologia e Ostetricia, incerto è il futuro del Pronto Soccorso, della Radiologia e del laboratorio di Analisi; i gruppi consiliari di minoranza chiedono» al presidente del consiglio comunale, «di convocare, nell'immediatezza, apposito consiglio comunale, aperto al contributo dei cittadini, delle forze politiche e sociali, al fine di discutere e proporre la revoca del decreto n. 106, così da salvaguardare l'ospedale di Acri e garantire, conformemente al dettato costituzionale, un servizio sanitario di qualità rispondente all'esigenza dei cittadini».
Nei giorni scorsi il sindaco Gino Trematerra aveva ostentato un certo ottimismo sulle sorti del nosocomio cittadino. Lo aveva fatto anche alla vigilia della chiusura del punto nascita, avvenuta lo scorso 1 maggio. Secondo il primo cittadino, ci sono tutte le condizioni affinchè quello di Acri non sia più un ospedale di montagna, ma acquisti un nuovo status. Intanto si è costituito spontaneamente un comitato cittadino a difesa dell'ospedale, che si è riunito ieri pomeriggio. E' stato più volte sottolineato, nell'occasione, che il comitato vuole collocarsi al di fuori delle logiche politiche e combattere contro il ridimensionamento del “Beato Angelo”. Il primo cittadino di Acri, Gino Trematerra, nei giorni scorsi, aveva ribadito la necessità di mantenere un profilo basso in termini di proteste, considerato che finora in altre realtà non hanno prodotto risultati di rilievo. Per il sindaco, è la politica che deve farsi carico del problema e risolverlo.










Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 10-11-2011.

PUBBLICATO 10/11/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4262  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3859  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4053  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4211  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3724  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto