NEWS Letto 2487  |    Stampa articolo

Gli ortofrutticoli contro l’abusivismo chiedono più tutela per i propri diritti

Rosanna Caravetta
Foto © Acri In Rete
Tornano sul piede di guerra gli ortofrutticoli acresi che, nella loro battaglia contro l'abusivismo, chiedono una maggiore tutela dei propri diritti a loro dire, invece, calpestati dai numerosi venditori ambulanti presenti sul territorio. Al loro fianco sempre la Confcommercio e il presidente Vincenzo Toscano che giorni addietro attraverso una lettera inviata al sindaco Trematerra, all'assessore alle attività produttive Maiorano, all'ispettore di Igiene degli alimenti e nutrizione presso l'Asp sede di Acri e ai rispettivi comandanti della Polizia Municipale, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e al comandante della polizia provinciale di Cosenza, è tornato ad insistere sulla necessità di effettuare maggiori controlli sul territorio al fine di ostacolare la vendita abusiva e ridare, finalmente, una boccata di ossigeno ai numerosi commercianti a posto fisso del settore ortofrutticolo. "Controlli finora, purtroppo inesistenti - ha sottolineato il presidente Toscano - verso quelli che al di fuori delle regole vendono prodotti in forme abusive , di dubbia igienicità , ed illegali".
Una denuncia, infatti, che partita mesi addietro oggi, a quanto pare, sarebbe ancora ad un punto fermo , ragion per cui "con rincrescimento, ed indignati, io ed i commercianti ortofrutticoli - si legge nella lettera sottoscritta dal presidente di Confcommercio Toscano - dal 5 ottobre 2011, dopo aver avuto un incontro con la maggior parte delle forze dell'Ordine, per limitare l'abusivismo che esiste nel settore ortofrutticolo , riscontriamo che a tutt'oggi ancora il fenomeno esiste e che in alcuni periodi si espande ulteriormente a dismisura.
Effetti positivi non se ne sono visti e, considerato il periodo di crisi galoppante che si sta attraversando
- sottolinea ancora Toscano - e sofferenti, non volendo rimanere inattivi, si prega di voler sollecitare ad una maggiore sorveglianza sul territorio perché una concorrenza così sleale , tra chi paga le tasse e chi invece non le paga , sta mettendo a dura prova un 'intero settore messo in ginocchio dall'abusivismo".

PUBBLICATO 16/11/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 3718  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3337  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3393  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3692  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3115  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto