NEWS Letto 6376  |    Stampa articolo

Due noti avvocati acresi alla ribalta nazionale per il caso Finmeccanica-Enav

Redazione
Foto © Acri In Rete
Due noti avvocati di origine acrese, sono in questi giorni alla ribalta del panorama nazionale, si tratta degli avvocati Mario Murano e Natale Perri che difendendo l'imprenditore Tommaso di Lernia nella delicatissima questione che riguarda le presunte tangenti Finmeccanica-Enav.
Per chi non conoscesse la questione, Tommaso Di Lernia è proprietario della "Print Sistem", l'uomo dei fondi neri del sistema Enav-Finmeccanica, amabilmente chiamato "er cowboy".
Nella dichiarazione al pm Ielo, Tommaso Di Lernia, parla di una presunta tangente "elargita" al tesoriere Nazionale dell'Udc, Giuseppe Naro su sollecitazione di Guido Pugliesi, presidente Enav (Ente Nazionale di Assistenza al Volo) il quale avrebbe affermato, sempre per bocca di Di Lernia, che tale somma era per l'on. Casini, ragion per cui lo stesso onorevole ha querelato Di Lerna per tali affermazioni.
Ecco quanto ha affermato, in una nota, l'avvocato Mario Murano, che difende Di Lernia insieme all'avvocato Natale Perri, in merito all'intenzione del leader dell'Udc, Pierferdinando Casini, di querelare il suo assistito.
"Evidentemente l'onorevole Casini non conosce il contenuto dei verbali degli interrogatori resi dal signor Tommaso di Lernia innanzi al pubblico ministero ed i successivi accertamenti compiuti in relazione alle dichiarazioni di costui, altrimenti non incorrerebbe nell'incauta insinuazione di attribuire al nostro assistito comportamenti processuali censurabili".
Nel comunicato il legale precisa, tra l'altro, che "tutto cio' che Di Lernia ha affermato in merito ai rapporti correnti tra l'onorevole Casini e Guido Pugliesi l'ha appreso dall'amministratore delegato dell'Enav, sicche' la logica vuole che l'inattendibilita' ritenuta dal Gip in ordine all'autodifesa di, che peraltro ha rateizzato le smentite nel corso del tempo innanzi al pubblico ministero, porta a ritenere rebus sic stantibus assai verosimili le dichiarazioni dell'imprenditore. D'altronde, Pugliesi e' stato arrestato unicamente per il contestato episodio del versamento della somma di euro 200.000 presso la sede dell'Udc, il cui destinatario finale spetta alla magistratura individuare."





PUBBLICATO 25/11/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4326  
Approvato l’assestamento di bilancio ma l’opposizione chiede le dimissioni del sindaco
L’assestamento di bilancio va in aula per la sua approvazione ed alla fine lo vota solo la maggioranza, ovvero Pdl, Udc e Psi, contrari IdV e Pd. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, A ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3917  
Valle Grecanica - Fc Acri: 1 - 1
Nemmeno oggi per la Valle Grecanica è arrivata la vittoria che manca addirittura da dieci giornate ma contro la capolista Acri non si poteva fare di più. Nel derby calabrese la ruota si ferma sul pa ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4116  
Consumo di alcol in aumento
A Palazzo Sanseverino-Falcone, convegno sui giovani e le dipendenze organizzato dal Comune. In molti fanno uso di cannabis, ma c’è un netto distacco dalle droghe “pesanti”
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4275  
Prove d’evacuazione a scuola
L'istituto Comprensivo di Là Mucone era una delle quattro scuole pilota della provincia di Cosenza, scelte dalla Prefettura, per la prova di evacuazione degli studenti dal proprio edificio scolastic ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3788  
Dimensionamento scolastico, protesta anche Là Mucone
Dopo San Giacomo, anche Là Mucone protesta per la delibera di giunta con la quale si dispone il dimensionamento scolastico sul territorio comunale.
Leggi tutto