News Letto 893  |    Stampa articolo

La CNA di Acri chiama il Comune per un confronto.

CNA
Foto © Acri In Rete
"L'intero sistema delle imprese sta vivendo la crisi più grave degli ultimi venti anni. E' evidente che tutti i segmenti della produzione e dei servizi hanno valori nettamente in flessione, con una accentuata tendenza negativa per i settori tessile, abbigliamento e calzaturiero.
Inoltre la sfiducia registrata nella piccola impresa, secondo un sondaggio della CNA, verso la ripresa economica, è molto forte.
La CNA di Acri sta cercando di individuare una strategia possibile di sostegno alle imprese, per rendere meno difficile l'attraversamento di questo trend negativo dell'economia locale e nazionale.
Al termine di una riunione tenutasi nei giorni scorsi, la CNA ha deciso di sottoporre, in un incontro che si terrà in settembre, all'amministrazione comunale una serie di questioni sulle quali discutere: esigenza di aggiungere un'altra area per gli insediamenti produttivi, verificando la fattibilità di Chianette, e definizione delle aree produttive per le zone di San Giacomo e Là Mucone; sistemazione e servizi per i capannoni di San Lorenzo; le imprese, soprattutto dell'agroalimentare, hanno bisogno di aprirsi alla sfida della competitività ed è necessario che il processo sia accompagnato anche dall'amministrazione comunale; Assaporagionando e fiera generale; struttura commerciale attraente, con il coinvolgimento diretto delle imprese del commercio locale; ripresa delle potenzialità dell'agricoltura; turismo possibile; infrastrutture e strade principali di collegamento, SS660 e Sibari-Sila; repressione di ogni forma di abusivismo.
La CNA di Acri è in attesa di conoscere i dettagli del Documento di Programmazione Economica e Finanziaria, sia per capire quali sostegni strutturali il governo metterà in campo, sia cosa si intende fare nella lotta all'evasione fiscale.
Quest'ultimo è un tema che sta molto a cuore alla CNA e alle imprese associate e rappresenta un fattore di civiltà e di uguaglianza da cui non si può prescindere.
Siamo pertanto interessati a capire se l'azione di controllo per contrastare l'evasione riguarderà solo le imprese già conosciute al fisco, quelle cioè con partita IVA, oppure se l'azione sarà estesa a tutto quel mondo sommerso di attività abusive, fatte di produzioni, servizi e attività che nessuno controlla".

PUBBLICATO 20/7/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 1906  
Cinzia Gencarelli vincitrice dell'ARS MILLENNIUM.
Nei giorni scorsi, a Siracusa, all'interno dell'Hotel Santuario, nei pressi del Santuario della Madonna delle lacrime, in occasione del Siracusa Eventus 2005, alla Gencarelli è stato consegnato il p ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 1876  
Convegno Architettura.
Interessantissimo convegno sull'architettura e le energie rinnovabili si è tenuto all'interno di Palazzo Padula.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1714  
«Puntiamo sul benessere».
L'assessore alla Sanità traccia il bilancio delle attività. «Stiamo studiando il grado di inquinamento».
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 3080  
Un sogno che sta per diventare realtà.
E' il sogno di tutti i ragazzi che iniziano a calcare i campi di calcio, tutti sperano di poter far carriera e chissà un giorno giocare con i propri idoli, si proprio quelli che con le loro gesta ti ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 1837  
Interrogazione del cons. Prov. Zanfini sulla questione del liceo scientifico.
Sulla delicata questione relativa alle condizioni della struttura che ospita il liceo scientifico interviene il consigliere provinciale dell' Udc, Natale Zanfini.
Leggi tutto