News Letto 3129  |    Stampa articolo

Strage del Venerdì Santo, dieci anni di dolore.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Quest'anno cade il decimo anniversario della cosiddetta "strage del Venerdì Santo" ad Acri.
E' una delle pagine più dolorose della storia recente del centro presilano e sembra che tutti vogliano rimuoverla.
Laddove avvenne, il vento sferzante di questi giorni ha spazzato via il ricordo, quasi a voler esorcizzare quel che accadde quel "maledetto" venerdì.
Neanche un mazzo di fiori nel punto in cui rimase uccisa Rosaria Sposato e vennero feriti una quarantina di fedeli in fila dietro la statua della Madonna nella tradizionale processione del Venerdì Santo.
Quel 10 aprile di dieci anni fa un'auto, una 164, piombò a folle velocità su quella folla di persone, determinando dolore e lutto.
Rosaria era una donna di 67 anni, da pochi mesi in pensione e con un unico pensiero: dedicarsi interamente a sua figlia Angela.
Pure lei porta ancora i segni, anche fisici, di quella tragedia.
La vita di sua madre fu violentemente interrotta, mettendo a dura prova anche la fede più granitica.
Cosa rispondere a chi chiedeva e si chiedeva: come può permettere Dio tutto questo, in un momento di grande devozione?
A quella domanda può rispondere solo chi ha il dono di una fede a prova di strage.
Le ore successive furono un inferno ad Acri, con gente che correva disperata in ospedale per sapere se congiunti e amici fossero stati coinvolti.
Tante le facce interrogative che aspettavano un cenno da parte dei sanitari, con i telefonini in tilt e la disperazione della mancanza di notizie certe.
Tanti feriti furono trasportati anche in ospedali vicini., poiché il nosocomio cittadino non poteva più contenerne.
Fu decretato il lutto cittadino, in una città che vi era ricorsa in pochissime circostanze.
Arrivarono anche le telecamere della "Vita in diretta" e i media ne fecero un caso nazionale.
Alle esequie di Rosaria un'intera comunità con gli occhi lucidi e a chiedersi come potesse essere accaduto.
L'auspicio è che venga fatto qualcosa di tangibile per non dimenticare Rosaria e quel Venerdì.
Oggi in quella che nel frattempo è diventata via Salvatore Scervini non c'è nulla che li ricordi. Che tristezza.
Non una targa, non una stele. Nulla.
Fino al 10 aprile c'è tempo per porre rimedio e permettere anche a chi dieci anni fa non c'era o a chi c'era e non voleva esserci di mantenere vivido il ricordo di quella tragedia.
Acri lo deve a Rosaria, a sua figlia e a sé stessa.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 23-03-2008.

PUBBLICATO 24/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2514  
Il PS ufficializza il suo nome per le provinciali.
Arriva la prima candidatura ufficiale per le elezioni provinciali di giugno 2009. Un appuntamento al quale, evidentemente, alcuni partiti ci vogliono giungere con tutte le care in regola. Sicchè, a ...
Leggi tutto

Religione  |  LETTO 3002  
Avvento, l’attesa che apre all’amore.
All'inizio del nuovo anno liturgico, la Chiesa lancia un forte invito alla vigilanza e alla speranza, che sono atteggiamenti caratteristici del tempo di Avvento.
Leggi tutto

News  |  LETTO 2303  
Si costituisce ufficialmente il PD.
Dopo una interminabile gestazione, il Partito Democratico si costituisce ufficialmente anche ad Acri. Prende infatti oggi il via il sospirato tesseramento. Chi è interessato, può ritirare la tessera ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2451  
Feraudo si impegna per piazza San Domenico.
Un’altra zona della città sarà riqualificata. Si tratta di piazza San Domenico, antistante l’omonima chiesa, a ridosso della sede della Comunità Montana ed a pochi passi dal municipio.
Leggi tutto

News  |  LETTO 2320  
Prove d’alleanzatra Udc e Pd.
Tra questi c’è comunque il rapporto tra il nascituro Partito Democratico e l’Udc. Il primo sta prendendo forma e sostanza dalle radici di Democratici di Sinistra e Margherita, con gli innesti di alt ...
Leggi tutto