News Letto 1702  |    Stampa articolo

Comune, conti in profondo rosso. A rischio alcune opere.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Con le casse comunali molto al di sotto dello zero, alcuni progetti rischiano di non essere più realizzati. E’ una voce che circola insistentemente nel palazzo di città e che trova conferma nei lavori lasciati a metà o mai iniziati. Si parla di una mancanza di cassa, un termine soft che gli amministratori preferiscono al molto più pericoloso 'debito', di circa tre milioni di euro. Non lo dice l’opposizione che, stranamente preferisce il silenzio alle denunce nonostante si sia in campagna elettorale.
Il grido di allarme arriva da alcuni consiglieri comunali di maggioranza per niente soddisfatti dello stato di salute delle casse comunali e seriamente preoccupati per dal punto di vista amministrativo. In alcuni di loro pare ci sia rassegnazione e sfiducia, quasi a voler finire rapidamente questo terribile ciclo per aprirne un altro magari più fortunato. I conti sono in rosso, profondo rosso.
Negli ultimi mesi sono venuti meno anche alcunit rasferimenti di una regione e di uno Stato politicamente amico ed il fatto che la discussione sul bilancio di previsione deve essere fatta non più per fine mese ma entro il trentuno maggio, fa tirare un piccolo sospiro di sollievo all’assessore al ramo ed a tutto l’esecutivo che in questi due mesi cercheranno di trovare appropriate soluzioni. Difficilmente, però, questo esecutivo poterà a termine (sono rimasti ancora due anni di legislatura) alcuni ambiziosi interventi ed altri che aveva in mente.
La città dei ragazzi, ad esempio, resterà un sogno mentre palazzetto dello sport e nuova caserma dei carabinieri, finanziati sotto la gestione della precedente amministrazione, con ogni probabilità resteranno delle opere incompiute. La struttura sportiva, grazie all’interessamento del senatore Trematerra, fu inserita addirittura nella Finanziaria del 2003 sicchè per la prima volta la città di Acri comparve nell’importante documento finanziario. I lavori delle entrambi opere sono a metà ed in programma non vi è nessun segnale di ripresa.
Una trentina di piccoli e medi imprenditori aspettano che il comune realizzi le opere di urbanizzazione dell’area industriale di Chianette mentre anche la prossima rassegna di Acrinscena, finanziata dalla Regione, è in forse. Tempi lunghi, infine, si prevedono anche per la sistemazione della piazza Beato Angelo e per la realizzazione della nuova scuola media Padula.

PUBBLICATO 26/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2514  
Il PS ufficializza il suo nome per le provinciali.
Arriva la prima candidatura ufficiale per le elezioni provinciali di giugno 2009. Un appuntamento al quale, evidentemente, alcuni partiti ci vogliono giungere con tutte le care in regola. Sicchè, a ...
Leggi tutto

Religione  |  LETTO 3002  
Avvento, l’attesa che apre all’amore.
All'inizio del nuovo anno liturgico, la Chiesa lancia un forte invito alla vigilanza e alla speranza, che sono atteggiamenti caratteristici del tempo di Avvento.
Leggi tutto

News  |  LETTO 2303  
Si costituisce ufficialmente il PD.
Dopo una interminabile gestazione, il Partito Democratico si costituisce ufficialmente anche ad Acri. Prende infatti oggi il via il sospirato tesseramento. Chi è interessato, può ritirare la tessera ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2451  
Feraudo si impegna per piazza San Domenico.
Un’altra zona della città sarà riqualificata. Si tratta di piazza San Domenico, antistante l’omonima chiesa, a ridosso della sede della Comunità Montana ed a pochi passi dal municipio.
Leggi tutto

News  |  LETTO 2320  
Prove d’alleanzatra Udc e Pd.
Tra questi c’è comunque il rapporto tra il nascituro Partito Democratico e l’Udc. Il primo sta prendendo forma e sostanza dalle radici di Democratici di Sinistra e Margherita, con gli innesti di alt ...
Leggi tutto