News Letto 1518  |    Stampa articolo

Opere pubbliche a rilento perchè senza la giusta copertura finanziaria.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Per il sindaco Elio Coschignano i conti del comune sono in ordine. Al limite si può parlare di mancanza di cassa che è cosa diversa da conti in rosso.
Il primo cittadino lo tiene a precisare quando si parla di alcune opere pubbliche incomplete le quali, dice, “sono state programmate senza la giusta copertura finanziaria” e con molta onestà intellettuale afferma che “rischiano a questo punto di non essere finite sotto la mia gestione.”
Per alcuni interventi aggiunge. “La città dei ragazzi è un opera inserita nel piano triennale e finanziata con i Por 2007/2013 mentre a breve dovrebbero iniziare i lavori del secondo lotto del palazzotto dello sport che, comunque, non serviranno a completare la struttura. Riguardo la sistemazione di piazza Beato Angelo, dice ancora Coschignano, esisteva un finanziamento di seicento mila euro appena sufficiente a pulire l’enorme e nuova piazza dai detriti. Siamo riusciti a investire tre milioni e mezzo gran parte dei quali devono ancora essere erogati dalla regione e dalla cassa depositi e prestiti.” Riguardo questa opera il primo cittadino, però, ammette che il suo esecutivo sta valutando l’ipotesi di non volerla più realizzarla ma “questo non significa che perdiamo il cospicuo finanziamento.”
Riguardo la caserma dei carabinieri Coschignano non lesina accuse alla precedente amministrazione. “Vi erano a disposizione poco più di quattrocentomila euro ma per costruire la struttura servono almeno due milioni di euro. Per evitare una cattedrale nel deserto abbiamo investito più del 300 % ecco perché non si dovrebbero progettare opere faraoniche senza la dovuta copertura finanziaria.
Coschignano ammette che il periodo è difficile per tutti gli enti, sottolinea ancora una volta le numerose spese legali ereditate e promette che nella prossima seduta del consiglio comunale, che dovrà occuparsi di bilancio di previsione, i cittadini sapranno la verità sullo stato di salute di un comune che, sebbene le ristrettezze economiche del momento, sta riuscendo a portare avanti l’ordinaria amministrazione ed a effettuare alcuni importanti interventi sia nel centro che in periferia.

PUBBLICATO 30/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2518  
Il PS ufficializza il suo nome per le provinciali.
Arriva la prima candidatura ufficiale per le elezioni provinciali di giugno 2009. Un appuntamento al quale, evidentemente, alcuni partiti ci vogliono giungere con tutte le care in regola. Sicchè, a ...
Leggi tutto

Religione  |  LETTO 3006  
Avvento, l’attesa che apre all’amore.
All'inizio del nuovo anno liturgico, la Chiesa lancia un forte invito alla vigilanza e alla speranza, che sono atteggiamenti caratteristici del tempo di Avvento.
Leggi tutto

News  |  LETTO 2309  
Si costituisce ufficialmente il PD.
Dopo una interminabile gestazione, il Partito Democratico si costituisce ufficialmente anche ad Acri. Prende infatti oggi il via il sospirato tesseramento. Chi è interessato, può ritirare la tessera ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2455  
Feraudo si impegna per piazza San Domenico.
Un’altra zona della città sarà riqualificata. Si tratta di piazza San Domenico, antistante l’omonima chiesa, a ridosso della sede della Comunità Montana ed a pochi passi dal municipio.
Leggi tutto

News  |  LETTO 2324  
Prove d’alleanzatra Udc e Pd.
Tra questi c’è comunque il rapporto tra il nascituro Partito Democratico e l’Udc. Il primo sta prendendo forma e sostanza dalle radici di Democratici di Sinistra e Margherita, con gli innesti di alt ...
Leggi tutto