POLITICA Letto 2828  |    Stampa articolo

Ad Acri il PDL punta su Cilento.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Ed ora anche qui, in virtù di quanto sta accadendo a livello regionale, le alleanze devono essere riviste. Mancano due mesi al rinnovo del consiglio comunale, il tempo stringe e non permette altri tentennamenti e ulteriori perdite di tempo. La città ha bisogno di una guida sicura, forte, capace e competitiva per uscire dall’impasse. Ed, invece, ognuno attende le decisioni dell’altro e l’attenzione è focalizzata più sui nomi che sui programmi.
Sicchè centro destra e centro sinistra sono tremendamente in ritardo. Ma andiamo con ordine. Francesco Cilento è il candidato individuato dal Pdl. Architetto noto e stimato non ha mai ricoperto ruoli istituzionali mentre agli inizi del 2000 è stato segretario del Cdu. Una figura esterna, quindi, visto che Cilento non è iscritto al Pdl. Contattato si dice lusingato per l’incarico ricevuto ma auspica adesso un’accelerazione dei processi per definire il tutto ma soprattutto vuole sincerarsi se la sua candidatura può essere di unità per il centro destra. Nella prossima settimana è prevista la riunione della commissione elettorale del Pdl. In quella occasione si discuterà oltre che di candidature anche di alleanze. E l’attenzione non può che essere puntata sul probabile accordo con l’Udc.
Cilento
, proprio per la sua estrazione politica, potrebbe essere la figura di aggregazione ma le fratture tra alcuni esponenti dei due partiti sono ancora evidenti e difficile da sanare. Se l’intesa non si troverà non è escluso che i centristi opteranno per la soluzione solitaria sostenuti dal Ps ed il Pdl sarà in campo con un paio di liste, l’Udeur e qualche civica. Situazione complessa, quindi, come nel centro sinistra. Visto che Pd e Udc non correranno più insieme, è probabile che alla fine i democratici si ricompatteranno attorno ad una nuova figura che non sia però Coschignano ostacolato da una parte del suo stesso partito e da altre forze. Il Pd vorrebbe tentare la via solitaria, ma sarà capace di convergere su un nominativo o dovrà appellarsi alle primarie di partito e magari trovare una figura che vada bene anche a IdV, Sel, Verdi-Ulivo per Acri e Prc-Pdci. Quella che inizierà domani dovrebbe essere la settimana che fugherà ogni dubbio.

PUBBLICATO 25/01/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4667  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3856  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3419  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4108  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4422  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto