POLITICA Letto 2799  |    Stampa articolo

IDV al PD. Scelga la discontinuità. Si a Cristofaro.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
All’indomani dell’ufficializzazione delle primarie da parte del Pd, (si svolgeranno domenica sette febbraio) per la scelta del candidato a sindaco, (in lizza Bonacci, Cozzolino e Cristofaro) non mancano le prese di posizione degli altri partiti del centro sinistra. Già ieri erano intervenuti sia Pascuzzo di Prc-Pdci che Pettinato di Sel che hanno definito il Pd come un partito che vuole imporre una figura senza discutere con il resto della coalizione.
Oggi è Maurizio Feraudo, capogruppo alla regione di IdV, che lancia strali ma porge anche un invito; “i nomi in campo, dice, testimoniano che, come IdV ha più volte sostenuto, il Pd ha anche risorse da offrire alla coalizione che auspica una netta discontinuità con l’esperienza amministrativa che sta per finire.
E qui, evidentemente, il riferimento è a Cristofaro visto che Bonacci e Cozzolino occupano, rispettivamente, il ruolo di assessore al bilancio e di presidente del consiglio. Feraudo, poi, aggiunge; “da una parte le primarie sono uno strumento apprezzabile di democrazia, dall’altra, proprio perché solo interne al Pd, denotano un atteggiamento intollerabile e di arroganza politica ed è evidente che queste primarie non vincolano assolutamente IdV. Si appalesa, prosegue Feraudo, un’irrispettosa e irriguardosa dell’intelligenza che, pure, regna negli altri partiti del centro sinistra. Il Pd acrese, dice ancora, sta consumando uno storico suicidio politico, ovvero dare l’opportunità, addirittura a chi ha aderito ad altre formazioni politiche, di poter essere eventualmente individuato come candidato sindaco. E’ come se oggi il Pd stesse per ipotecare la poltrona di primo cittadino a favore di un partito che si è apertamente dichiarato e schierato contro il Pd stesso.”
Questa volta il destinatario è, evidentemente, Cozzolino che in molti lo danno aderente all’Api. "Il Pd, conclude Feraudo, faccia un gesto di generosa responsabilità politica desistendo da queste primarie truffa e offra la candidatura, senza ulteriore indugio, a chi oggi è l’unico capace di unire e può garantire la vittoria del centro sinistra nell’ottica di una netta discontinuità.
Che in soldoni significa Cristofaro.

PUBBLICATO 02/02/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4662  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3850  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3416  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4102  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4412  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto