RELIGIONE Letto 3005  |    Stampa articolo

La fede delle pecore.

sac. Sergio Groccia
Foto © Acri In Rete
Cosa vuol dire credere? Cos'è la fede?
Domande enormi che in tre righe non si possono risolvere ( … ma nemmeno in 1000 pagine).
Eppure sono domande che noi cristiani spesso ci poniamo. Non nascono mai in modo astratto, ma sono domande molto spesso provocate da avvenimenti particolari (un esperienza forte, un lutto, un incontro con una persona…) che ci mettono in discussione su quello che ci è stato insegnato riguardo l'esistenza di Dio, la sua bontà, sugli insegnamenti del Vangelo, sul perché c'è la Chiesa…e così via.
Un mio amico mi ha detto che per lui la fede è qualcosa che Dio gli mette gratuitamente davanti, è una mano aperta per entrare il relazione con lui. Non è una serie di ragionamenti filosofici e nemmeno una serie di adempimenti morali da attuare.
Troppo spesso confondiamo fede con vita morale, come se avere fede significhi fare il bene e agire in modo moralmente ineccepibile. In altre parole, se sbaglio qualcosa è segno che non credo e non ho fede in Dio.
Ho letto in un commento a questo brano di Vangelo ( Gv 10,27-30 ) , che queste parole sarebbero da leggere e rileggere con calma e profonda meditazione.
Quello che Gesù dice dovremmo farlo scendere pian piano nel profondo dell'anima, in quel luogo dove abita il motore di ogni nostra più vera decisione: "…io le conosco … io do loro la vita… e non andranno mai perdute… Il Padre è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre…"
Queste parole non hanno nulla di morale, non contengono un "devi" o un "non devi…", ma sono un annuncio puro di quello che Gesù è per noi e di quello che noi siamo per Lui.
Bisogna, come sempre, recuperare il contesto nel quale queste parole sono pronunciate. Siamo nel capitolo 10 del Vangelo di Giovanni, e in particolare in quella parte dove sono evidenziate le controversie attorno a Gesù.
Gesù si rende conto che attorno a lui cresce lo stupore e anche l'opposizione. Quello che lui dice e quello che fa disorientano le persone del suo tempo e specialmente i detentori della legge religiosa.
Gesù dice chiaramente a coloro che continuamente gli chiedono spiegazioni e segni, che la fede è un dono di relazione che Dio ha offerto. Questa relazione speciale si può rifiutare o accettare e basta, senza troppi ragionamenti e cautele.
Gesù offre anche a noi oggi questa intimità con lui, una intimità profonda che è capace di dare la vita e di far si che la vita, con tutti i suoi problemi, non si perda.
Credere è fidarsi che nell'amicizia con Gesù la nostra vita si salva veramente e non andiamo perduti.
Ma se accettiamo l'amicizia di Gesù, tutto ci apparirà pian piano più chiaro.
La fede vera non è cieca, solo l'ignoranza è cieca e accecante.
Fede è fidarsi e nello stesso tempo continuare a farsi domande e ricercare risposte, ma senza ansia e con la sensazione che non siamo soli: "io le conosco le mie pecore… io do loro la vita…."
La fede è una dono di Dio, un dono che è fatto a tutti in vari momenti della vita.
Io posso solo dire che sono fortunato (e non "bravo") riguardo la mia fede in Cristo.
Credo di avere solo accettato di mettermi in gioco con il Vangelo. Ho avuto la grazia di sentire le parole del Vangelo come "parole per me", e questo mi ha dato una pace interiore.
E avere la pace nel cuore aiuta molto a fare poi il bene e ad agire anche correttamente.

PUBBLICATO 24/04/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4628  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3816  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3380  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4065  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4385  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto