NEWS Letto 3747  |    Stampa articolo

'Il rifugio di Isaac' compie due anni.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
"Il rifugio di Isaac" spegne la seconda candelina, e lo fa con piena soddisfazione. E' un centro, la cui sede è ubicata nella struttura che ospita i Frati Cappuccini, che opera per l'accoglienza e l'inserimento di minori che provengono da zone del mondo teatro di conflitti, ma anche di condizioni di estrema povertà.
Volendo rimanere all'ufficialità, si tratta di una struttura "di seconda accoglienza per minori non accompagnati". Il Centro ha ospitato finora ventisei minori di vari Paesi, come afgani, curdi e ghanesi, solo per fare qualche esempio.
"Siamo riusciti a far ottenere a tutti il permesso di soggiorno - sostiene Luigi Branca, responsabile del Centro -, ma la cosa che ci preme dire con forza è che più della metà dei ragazzi, una volta ottenuto il permesso di soggiorno e raggiunta la maggiore età, ha deciso di vivere ad Acri. Questi giovani hanno trovato lavoro, sono stati assunti e vivono nella nostra città. Adesso hanno la residenza - continua Branca -, hanno fittato casa e contribuiscono anche loro all'economia del nostro territorio. Sottolineiamo anche la grande maturità della nostra comunità, che ha ben accolto questi ragazzi per permettergli di affrontare un futuro migliore rispetto al passato che si sono lasciati alle spalle. Un ringraziamento speciale va alla Promidea, cooperativa sociale di Cosenza, che ci ha coordinato in questi due anni di vita del Centro, e ai Servizi Sociali del Comune di Acri".
Acri, grazie alla presenza e all'opera de "Il rifugio di Isaac", ha rappresentato in Calabria e nel Meridione un punto fermo per quanto riguarda l'accoglienza e la solidarietà, soprattutto dopo i fatti di Rosarno dei mesi scorsi. Luigi Branca coordina un gruppo di operatori di cui fanno parte anche Giuseppe Ritacco, Loredana Cirino, Marcello Perri e Davide Pignataro.
Sono costoro che riempiono le giornate dei ragazzi, che qui hanno modo di apprendere la lingua italiana e nozioni che permettono loro un pieno inserimento nella comunità che li ospita. L'obiettivo dichiarato è quello di far si che quantomeno la maggior parte abbia modo di continuare a risiedere ad Acri anche dopo aver raggiunto la maggiore età e avere quindi abbandonato il Centro.
Molte delle associazioni che operano sul territorio finora si sono dimostrate sensibili ai bisogni della struttura e di questi ragazzi, attraverso i modi più svariati, soprattutto mettendo a loro disposizione strumenti necessari alle attività di laboratorio e ludiche.
La speranza è che le istituzioni comprendano appieno il senso di questa esperienza anche negli anni a venire e non si tratti solo di un fuoco di paglia di una stagione.

PUBBLICATO 03/05/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4631  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3820  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3386  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4070  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4391  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto