NEWS Letto 4200  |    Stampa articolo

E’ Giuseppe Straface il presidente del consiglio.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Dai banchi di palazzo Madama, a quelli della sala Falcone, l'emozione è sempre quella di una nuova ed avvincente avventura. Bastava ascoltare e vedere Gino Tremterra, per la prima volta seduto sulla poltrona più importante del consiglio comunale. La prima assise della sua legislatura è stata soft, come giusto che sia, ed anche un po' triste per la scomparsa di un dipendente comunale a cui il civico consesso ha dedicato un minuto di raccoglimento. Poi il via. Due aspetti politici hanno prevalso e meritano attenzione. Primo; il Pdl, dopo i tentennamenti di qualche esponente che tra il primo ed il secondo turno invitata alla libertà di voto (ma alla fine il partito è stato compatto nel votare Trematerra) ha deciso di essere parte integrante della maggioranza ed il capogruppo Manfredi ha fugato ogni dubbio.
Lui, Cilento e Paldino sono con il sindaco, quindi. Il secondo aspetto si tratta dell'unico vero sussulto in una seduta amichevole. Cozzolino, candidato a sindaco del Pd, nel formulare gli auguri a chi lo ha sconfitto dice; "caro sindaco hai vinto anche perché una buona parte dell'estrema sinistra ed autorevoli esponenti del mio partito, ti hanno votato."
Silenzio e imbarazzo. Ma anche una dimostrazione che il centro sinistra è a pezzi ed ilo Pd non è da meno. Dichiarazioni pesanti che faranno discutere e che animano un dibattito già di per sé acceso. Poi le nomine. Presidente del consiglio è stato eletto Giuseppe Straface, grazie a diciassette voti mentre il suo vice sarà Giuseppe Capalbo di Dp.
Capitolo capigruppo; per l'Udc, Arena, per il Centro Moderato, Catanzariti, per il Pdl, Manfredi, per Alleanza per Cilento, Paldino, per il Pd, Cozzolino, per Dp, Capalbo, per IdV, Minisci e per Psi, Amedeo Gabriele.
Quindi Trematerra che invita l'opposizione al dialogo e sottolinea il ricambio generazionale "che darà nuova linfa ed entusiasmo."
Poi aggiunge; "le linee programmatiche le affronteremo in un'altra data, vogliamo prima fare una ricognizione sullo stato di salute delle casse comunali che sarà fatto senza processi ma solo per fare chiarezza e programmare meglio il futuro." Capalbo del Pd si augura che l'attuale maggioranza sia consequenziale a ciò che affermava quando era opposizione sotto l'aspetto del coinvolgimento e della partecipazione mentre Minisci di IdV ha parlato di opposizione chiara, leale e rigorosa. Non sono mancati gli applausi e le strette di mano di una sala piena che ospitava amici a parenti di consiglieri ed assessori. Un clima disteso, dunque, ma che difficilmente si ripeterà.

PUBBLICATO 06/05/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4628  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3818  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3382  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4067  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4387  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto