NEWS Letto 5904  |    Stampa articolo

Alessandro Basile stroncato da un infarto.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
L'esame autoptico, eseguito nella mattinata di ieri, ha fugato ogni dubbio. Il trentaduenne Alessandro Basile è stato stroncato da un infarto. Erano le 21 di mercoledì, il giovane e brillante avvocato stava tornando a casa, nella sua Acri, a bordo dell' Alfa 156 quando, a causa dell'improvviso malore, ha perso il controllo. Il mezzo è uscito fuori strada schiantandosi dapprima contro un muretto e poi è precipitato in una piccola scarpata finendo la corsa contro un albero, proprio laddove la s.s.660 Acri-Cosenza non è delimitata da barriere metalliche, in località Cocozzello, nei pressi del km sette. In un primo momento si era pensato che le cause dell'incidente potessero essere legate all'alta velocità o allo stato sdrucciodevole dell'arteria.
L'autopsia, invece, ha fatto chiarezza circa la tragica scomparsa di un ragazzo conosciuto per la sua serietà e compostezza. Alessandro Basile, celibe, tornava da Cosenza dopo aver concluso positivamente un appuntamento di lavoro. L'ultimo ad ascoltare la sua voce è stato il fratello, Daniele, a cui, qualche minuto prima, aveva esternato la sua gioia per una causa importante vinta presso il tribunale di Cosenza. Alessandro era nato in provincia di Milano, era molto dinamico e di compagnia. Testimone di Geova e proprio per questo che, come prevede questa religione, oggi pomeriggio alle 15 la salma partirà dall'obitorio dell'ospedale di Acri per raggiungere il luogo di culto dei testimoni di Geova acresi sito in via John Lennon.
Famiglia seria e lavoratrice, quella di Alessandro; il papà ottimo cablatore in pensione, la mamma insegnante elementare presso la scuola Pastrengo, distrutti da un dolore imprevisto e improvviso. La salma dello sfortunato giovane è stata consegnata ai famigliari dalle autorità nel tardo pomeriggio di ieri, poi è iniziato il pellegrinaggio verso l'obitorio e nell'abitazione di via De Gasperi. Rabbia e perplessità si palpavano tra i presenti nel dare l'estremo saluto ad un ragazzo di appena 32 anni che stava raccogliendo i meritati frutti del suo lavoro a cui era molto legato.

PUBBLICATO 07/05/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4633  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3822  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3388  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4072  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4392  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto