NEWS Letto 2806  |    Stampa articolo

Cgil, al Cup situazione allarmante.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Periodicamente e sistematicamente da diversi mesi si assiste alla sacrosanta protesta dell'una forza politica o dell'altra associazione per denunciare i disagi patiti da chi, per un motivo o per un altro, per un ticket piuttosto che per la prenotazione di un esame specialistico, è costretto a interminabili code al Cup(Centro Unico di Prenotazione). In tanti finora hanno assicurato una pronta risoluzione di un problema che, al contrario, è più vivo che mai. Ieri, sulla questione, è intervenuta anche la Cgil
"Sull'annosa vicenda del Cup di Acri - è scritto in una nota - , che in questi giorni sta causando non pochi problemi a tutta la cittadinanza, la Cgil, attraverso il dirigente Domenico Vuono, chiede un immediato incontro con i Dirigenti dell'Azienda ed è pronta a fornire anche proposte per una immediata soluzione.
La Cgil di Acri, stanca delle continue attese e mortificazioni dei cittadini, e nonostante le numerose prese di posizione, visto che a tutt'oggi non si riscontrano progressi sulla situazione sempre più drammatica, si inserisce nella lotta per un diritto sancito dalla Costituzione Italiana, che è il diritto alla salute e a prestazioni accettabili, sotto tutti i punti di vista. Non crediamo
- prosegue la Cgil - che la colpa sia da addebitare solo ai locali del Cup, per i quali, tra l'altro, l'amministrazione comunale di Acri si è già adoperata per una nuova e più funzionale sede, ma alla poca concertazione e organizzazione interna.
Non serve aggiungere risorse a una gestione poco elastica e funzionale - è scritto ancora nel testo -, ma sarebbe opportuna una riorganizzazione interna che porti i cittadini del comprensorio acrese, molto vasto, a evitare file interminabili per una mera autorizzazione di prestazione o per una semplice prenotazione. E' chiaro che con l'avvento della stagione estiva i disagi si amplificano e crediamo sia mortificante vedere persone anziane, già da loro a rischio nel periodo estivo, attendere a volte per una semplice informazione.
Non basta più la buona volontà del personale che ogni giorno è costretto a soddisfare le domande, sempre più pressanti, dei tanti cittadini che a loro si rivolgono.
Le forze politiche e le associazioni dovrebbero dare un segnale di forte interesse per una situazione che si sta incancrenendo e che non vede via d'uscita.
Un appello va rivolto anche ai Medici di Medicina Generale, affinché contribuiscano, con la loro professionalità, alla risoluzione del problema.
La Cgil
- conclude il comunicato - ritiene il loro contributo indispensabile e il loro coinvolgimento un atto dovuto, poiché solo la condivisione può portare risultati accettabili, in ogni settore della sanità.
Parliamo della sanità del territorio, argomento che interessa tutti poiché tutti siamo potenziali fruitori dei servizi offerti, direttamente e indirettamente
".



Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 13-07-2010.



PUBBLICATO 14/07/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4626  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3816  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3380  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4065  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4385  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto