POLITICA Letto 3199  |    Stampa articolo

Idv. Fusaro pronto a lasciare se non cambiano le cose.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Michele Fusaro, consigliere provinciale, è seccato e amareggiato sia per il trattamento poco corretto che gli sta dedicando qualche tesserato del suo stesso partito sia per come stanno le cose all'interno di IdV. Fusaro fa politica attiva da poco più di un anno, da quando, cioè, è stato eletto con oltre mille voti, un'eccellente perfomance, al consiglio provinciale nella circoscrizione di Acri.
"Ero convinto che IdV poteva rappresentare un alternativa valida e seria in un panorama partitico devastato da lotte interne e poco condivisibili ma mi sono reso conto che a Cosenza il partito sembra essersi appiattito sulle posizioni di pochi intimi che portano avanti una politica casereccia molto discutibile alla luce anche dei risultati che non sono stati certo brillanti."
Fusaro, poi, precisa, "ho cercato di elevare il tono differenziandomi ed evitando di schierarmi per una o un'altra parte e, quindi, di difendere posizioni personali che nulla hanno a che fare con la politica e con i bisogni della gente e della provincia tutta."
Quindi respinge le ipotesi di un eventuale passaggio all'Api ma nello stesso tempo non si dice soddisfatto dello stato di salute del partito; "non ho avuto e non ho alcun contatto con nessun dirigente Api, non ho bisogno di un posto al sole né di trovare collocazioni partitiche a differenza di chi ha fatto il giro di tutti i partiti costituzionali pur di accaparrarsi un ruolo che gli possa consentire di possedere il partito. Quanto si legge sono solo falsità suggerite, probabilmente, da chi ormai, non avendo grossi impegni, impiega il suo tempo a discreditare le persone e ad inventare improbabili cambi di casacca."
Fusaro
conclude e rincara la dose; "a Cosenza IdV non è un partito serio né democratico, che non depone a favore del confronto, è un partito asservito al capo di turno, ed è un partito che ha permesso di celebrare un congresso che ha visto non due anime diverse che potrebbero rappresentare la pluralità ma due fazioni che vogliono diventare i padroni del partito. Rigetto ciò ed in questo contesto ho preferito non partecipare al congresso perché avevo intuito la presenza di una faida interna e come sarebbero andate le cose ed i fatti, alla fine, mi hanno dato ragione."

PUBBLICATO 15/07/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4631  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3820  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3386  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4070  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4391  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto