NEWS Letto 3929  |    Stampa articolo

Primo Palio dei Ciucci.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
L'associazione "Acri nel cuore" ha promosso la prima edizione del "Palio dei ciucci e torneo di giochi popolari". Si terrà ad Acri il 10 agosto.
"Il Palio dei ciucci si propone - spiega una nota dell'associazione - , con una forma divertente, di ricordare l'utilità che l'asino ha avuto nella civiltà contadina della nostra città. La presenza del ciuccio nelle famiglie era la normalità, era l'utilitaria di oggi, con lui si trasportava di tutto, dalla legna alla farina, l'asino era indispensabile per l'economia selle famiglie. Con l'avvento dell'automobile per tutti, questo povero animale è stato quasi totalmente messo da parte rischiando anche l'estinzione. Infatti ad oggi setacciando in lungo ed in largo il nostro territorio ci siamo resi conto che gli asini in attività si possono contare sulle dita della mano. A sostegno del ricordo storico dell'asino nella civiltà contadina - prosegue la nota -, sarà organizzata, nell'ambito della manifestazione, una mostra fotografica interamente dedicata a questo animale".
Queste le contrade partecipanti: Jungi, Duglia, Viola, Annunziata, Sorbo, San Giacomo, Là Mucone, Montagnola e Pietremarine.
Il Torneo dei Giochi popolari "consiste nel rispolverare i vecchi giochi che prima dei video games, prima del flipper ed ancora prima del calcio balilla tenevano impegnati i ragazzi di tutte le età, da un indagine fra i ragazzi delle scuole medie, è risultato che solo una sparuta minoranza aveva sentito vagamente parlare di alcuni dei giochi proposti. I giochi scelti per il torneo che come il palio dei ciucci interesserà le varie contrade della città sono l'"anca zoppa", che consisteva nel percorrere una distanza predeterminata saltellando su una sola gamba; "strasci", erano pezzi di mattoni o pietre piatte, un pezzo di mattone più piccolo faceva da boccino vinceva chi riusciva a portare la propria strascia più vicino al boccino, le regole erano più o meno come quelle delle bocce; "tiro alla fune", che nel tempo è diventata una disciplina sportiva, veniva organizzato in tutte le feste di paese, per cui sarà riproposto come veniva eseguito negli anni addietro; "u ruollu", il gioco consiste nel far rotolare un cerchio di ferro (molte volte si usava un vecchio cerchio di bicicletta) per un circuito guidandolo con una specie di gancio, vinceva chi arrivava primo; "u cirillu" è il gioco della trottola che nella tradizione locale veniva costruita in legno, alla punta veniva fissata una vite opportunamente appuntita".


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 21-07-2010.



PUBBLICATO 23/07/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4633  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3822  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3388  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4072  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4392  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto