POLITICA Letto 2910  |    Stampa articolo

L’amarezza del PD.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Riflessioni e critiche, sulla situazione all'interno del Pd, giungono anche dalla cittadina silana dove i democratici possono contare su un numero consistete di iscritti. Un gruppo di essi, Pino Capalbo, consigliere comunale e segretario dimissionario, Gianluca Coschignano, Giuseppe Garofalo, Roberto Perri, Gianfranco Scalzo, Gianni Tripoli e Domenico Vaccaro, esprimo tutto il loro malessere in una nota. "Riteniamo, si legge, che non ci sia più traccia in Calabria del Partito Democratico, di quel partito che avrebbe dovuto favorire un cambiamento realistico e radicale della nostra regione, che avrebbe dovuto ridare speranza ai calabresi che credono nella capacità di autogoverno delle sue classi dirigenti e nei valori dell'innovazione, del talento, del merito, delle pari opportunità, ma che trovano oggi più di ieri la politica chiusa e che se provano ad avvicinarsi ad essa è più facile che si imbattano nella richiesta di aderire ad una corrente o ad un gruppo di potere, piuttosto che a un'idea, ad un progetto.
Oggi, con il problema irrisolto di Autonomia e Diritti, con l'elezione del capogruppo in consiglio regionale da parte di soli 5 consiglieri regionali su 15 di area PD, assistiamo al definitivo tramonto di un'idea, quella di un grande partito riformista di massa che avrebbe dovuto essere la stella polare attorno alla quale creare un nuovo e rigenerato centro sinistra distante dai conservatorismi di destra e sinistra, che ci avrebbe consentito di ridare dignità e normalità al nostro paese e alla nostra regione.
Oggi siamo convinti sia indispensabile un atto di grande responsabilità e generosità delle classi dirigenti regionali e del commissario Musi, ovvero indire prima delle prossime elezioni amministrative, i congressi provinciali e regionali. Ciò appare l'ultima opportunità, per costruire democraticamente un percorso unitario e condiviso che favorisca un reale ricambio delle classi dirigenti del partito affinché, dopo la passata e deludente amministrazione Loiero, figlia dell'autoreferenzialità, possa ripartire una nuova fase che ridia speranza alla Calabria e che, con particolare riguardo alla crisi economica, sappia individuare soluzioni concrete e sia in grado di definire una proposta che assuma come obiettivo la crescita e la modernizzazione della nostra regione da considerare come risorsa strategica di interesse nazionale.
Ci permettiamo di concludere con una frase di Vincenzo Cuoco autore di un libro sulla Rivoluzione Napoletana del 1799; "alla felicità dei popoli sono più necessari gli ordini che gli uomini." Gli ordini sono ovviamente le istituzioni tra le quali rientrano anche i partiti che gli uomini devono impegnarsi a preservare con le loro passioni e il loro impegno
."

PUBBLICATO 31/07/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4628  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3816  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3380  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4065  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4385  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto